Moto3 | GP Algarve 2021: Pedro Acosta vince e si laurea Campione del Mondo

Acosta conquista il titolo ottenendo la sesta vittoria in campionato. Disfatta per Foggia, steso da un’entrata scriteriata di Binder. Podio per Migno e Antonelli


Pedro Acosta è il vincitore del Gran Premio dell’Algarve 2021, classe Moto3, nonché nuovo Campione del Mondo della classe leggera. Il diciassettenne del team Red Bull KTM Ajo corona in tal modo una stagione d’esordio pressoché impressionante, condotta con un mix di esperienza, autorevolezza e sfrontatezza non comuni per un rookie. La vittoria in terra portoghese, la sesta in stagione, mostra ancora una volta la pregevole capacità di leggere ed interpretare le varie fasi di gara e lo spazio a lui circostante, alternando momenti di stasi ad istanti di fuga. La speranza di tutto il mondo motociclistico è che il futuro di questo giovanissimo talento possa essere il più radioso e genuino possibile.

La lotta mondiale aveva visto subentrare, da metà stagione in poi, un fulmine tutto italiano, abile a beneficiare del pacchetto velocistico della sua Honda griffata Leopard, oltreché a farsi trovare pronto laddove v’erano in palio punti importanti. La rincorsa al titolo di Dennis Foggia termina amaramente all’ultimo giro in curva 3, a causa di una staccata non professionistica di Darryn Binder, squalificato al termine della gara. Il rammarico, a margine di una gara comunque condotta autorevolmente nelle posizioni di testa, dovrà presto lasciar spazio alla ricerca di una consapevolezza del proprio talento che, fosse stata acquisita tempi or sono, avrebbe probabilmente permesso al giovane romano di concedersi soddisfazioni ben più grandi.

L’Italia trova, in ogni caso, il modo di tingere di tricolore il podio, con Andrea Migno e Niccolò Antonelli protagonisti di una gara solida e rapida: un meritato momento di gioia al calare di una stagione al di sotto delle aspettative. Jeremy Alcoba chiude quarto, precedendo Izan Guevara e Ayumu Sasaki. Romano Fenati è settimo, davanti a Xavier Artigas, Tatsuki Suzuki e Filip Salač.

La chiosa di questo resoconto di gara vuole soffermarsi su Darryn Binder, protagonista dell’ennesimo episodio controverso e potenzialmente pericoloso della sua carriera a due ruote. Non, però, disquisendo di meritocrazia o di altri fattori vari: l’intenzione è quella di affidare, alle persone che hanno visionato la gara e/o stanno leggendo queste righe, una riflessione ragionata ed organica su quanto visto e su quanto si potrà vedere.

Classifica di gara

Immagine: motogp.com

SHARE

SUBSCRIBE

TOP

LATEST

LEGGI ANCHE

F1

FEEDER SERIES

RUOTE COPERTE

RALLY

USA

FULL ELECTRIC

MOTOMONDIALE

SUPERBIKE/SSP

MOTOCROSS