Moto2 | GP Giappone: terza vittoria dell’anno per Alex Marquez

Moto2 | GP Giappone: terza vittoria dell’anno per Alex Marquez

Dopo il mesto ritiro di Aragon per i dolori al nervo del ginocchio, Alex Marquez torna a sorridere dopo i tre zeri consecutivi negli ultimi Gran Premi, vincendo a Motegi per la terza volta dopo i successi ottenuti in Moto3 nel 2013 e nel 2014. È la prima vittoria in Moto2 dello spagnolo non “in patria”, ed è anche un’ottima maniera per rilanciare le proprie quotazioni in attesa del 2018. Podio atipico quello visto oggi nella classe di mezzo, poiché in seconda e terza posizione sono arrivati Vierge e Syahrin. Il poleman Nakagami, dopo un avvio brillante, è giunto solo sesto, dietro ai primi due italiani, ovvero Bagnaia e Pasini. Per quanto riguarda la lotta titolata, Franco Morbidelli è stato autore di una gara di conserva che gli ha permesso di guadagnare un ottavo posto e tre preziosi punti su Luthi, molto meno a suo agio sull’acqua di quanto ci si aspettasse.

Come per la Moto3, anche la gara Moto2 è durata solo due terzi della lunghezza originale: quindici giri anziché ventitré. Tra la celebrazione sul podio della Moto3 e la preparazione in griglia della Moto2, l’intensità della pioggia è notevolmente diminuita. Nessuna possibilità comunque di vedere la pista asciutta oggi.

La partenza di Nakagami allo spegnimento dei semafori è ottima e gli permette di mantenere la testa della corsa in maniera agevole su Vierge e su Marquez. Alla curva 2 Pasini infila prepotentemente Aegerter, e in poche curve fa lo stesso col #73. All’inizio del secondo giro Pasini è già secondo, dopo aver passato anche Vierge, e si lancia all’inseguimento di Nakagami. Luthi nel frattempo è autore di una bella partenza, in un solo giro sorpassa Simeon, Bagnaia e Aegerter, ma a causa di un lungo alla 1 spreca tutto il buon lavoro fatto riscendendo in 10a piazza, proprio davanti al rivale Morbidelli. Al terzo giro cadono Navarro e Marini.

Mentre la stessa sorte capita anche a Binder poco dopo, Morbidelli supera Luthi al quinto giro in curva 3 passando in nona posizione, e lo imita Baldassarri che supera a sua volta lo svizzero alla 5. Poco più indietro Cortese e Nagashima si stendono a vicenda nella stessa curva. Davanti, nel gruppo di testa composto da sei piloti (Nakagami, Pasini, Marquez, Vierge, Oliveira e Syarihn), Marquez passa Pasini all’Hairpin e prova immediatamente l’affondo su Nakagami in fondo alla discesa, ma senza successo.

In questa fase di gara i più veloci sono lo spagnolo e il malese Syahrin, che con facilità prima passa Oliveira e poi supera un Pasini in difficoltà. Marquez a cinque tornate dalla fine ci riprova in fondo al discesone sul giapponese del team Honda Asia, e stavolta l’affondo riesce; è il sorpasso decisivo per la vittoria. Nakagami non riesce più a mantenere il ritmo, ed è facile preda di Vierge, Syahrin e anche del Paso.

Negli ultimi giri le prime posizioni sono abbastanza congelate, eccezion fatta per la scaramuccia per il quarto posto: Pasini riesce a passare Nakagami, alla quale al contrario non riesce a rintuzzare l’attacco di Pecco Bagnaia, tornato su forte negli ultimi giri. Pecco non si accontenta e alla Victory Corner, all’ultimo giro, soffia al Paso la quarta posizione, giungendo al quarto posto. Morbidelli vince il suo duello con Aegerter giungendo ottavo, con Luthi solo 11°.

In classifica iridata Morbidelli ha ora 24 punti di vantaggio tra sé e il suo prossimo compagno di squadra. Sono usciti ufficialmente dalla lotta titolata gli iberici Marquez e Oliveira, nonostante la vittoria dello spagnolo, il quale ora avrà il compito di aiutare l’italo-brasiliano nella conquista del titolo mondiale oramai abbastanza vicino.

Qui i risultati della Moto2 e la classifica aggiornata.

Fonte immagine: motogp.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

918FollowersFollow
1,678FollowersFollow
Moto2 | GP Giappone: terza vittoria dell’anno per Alex Marquez 2
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE