Moto2 | GP Emilia-Romagna 2021: vittoria di Lowes e doppietta Marc VDS, disastro per Raúl Fernández

Moto2
Tempo di lettura: 6 minuti
di Alyoska Costantino @AlyxF1
24 Ottobre 2021 - 13:54
Home  »  Moto2Motomondiale

Colpi di scena a ripetizione in quel di Misano 2: Raúl cade con la vittoria in pugno, Gardner settimo tra errori e pasticci. Grande gara di Augusto Fernández, secondo dopo un long lap.


Già alla vigilia del weekend questo GP Emilia-Romagna 2021 si preannunciava come una tappa cruciale per l’assegnazione del titolo piloti Moto2. Effettivamente potrebbe esserlo stata, ma non nella maniera in cui molti si aspettavano.

La vittoria della seconda gara di Misano è andata a Sam Lowes, rimasto costantemente nel gruppo di testa ed esemplare nel sorpasso valevole per il successo su Arón Canet nel cambio di direzione della Variante del Parco. Per l’inglese è stata una discreta rivincita dopo il periodo buio passato ed il Santa Monica gli regala così il terzo successo stagionale dopo la doppietta di Losail. Il team Marc VDS festeggia alla grande grazie anche alla piazza d’onore di Augusto Fernández, autore di una straordinaria rimonta dopo un long lap penalty scontato ad inizio gara. Terzo Canet, beffato nei metri finali dal connazionale per probabile mancanza di benzina nel serbatoio della sua Boscoscuro motorizzata Triumph.

Il focus di gran parte della gara è stato però sul duello iridato tra Remy Gardner e Raúl Fernández, volto a favore del primo contro ogni pronostico. L’australiano è giunto settimo tra errori, contatti con altri piloti e penalizzazioni, ma ha comunque fatto più punti del più giovane compagno spagnolo, incappato in una stranissima scivolata alla staccata della Quercia mentre si trovava al comando. Ora sono 18 i punti a separare i due piloti del team Ajo.

LA CRONACA

Alla partenza Canet scatta meglio di tutti e si porta al comando inseguito da Sam Lowes e Jorge Navarro, con Augusto Fernández subito dietro ma costretto a fare il long lap penalty rimediato dopo le qualifiche il prima possibile. Il #37 imbocca la traiettoria larga del Tramonto al secondo giro, rientrando al 13° posto.

Navarro è il primo ad andare all’attacco e, tra il secondo ed il terzo giro, sorpassa prima Lowes e poi Canet alla staccata della Quercia, mettendosi in prima posizione. Al quarto posto c’è Raúl Fernández, mentre il gruppo dei primi è completato da Somkiat Chantra e da Celestino Vietti, nel tentativo di recuperare da una brutta partenza. Gardner è ottavo.

Poco dopo Lowes ritorna al comando approfittando di un contatto al Carro tra Canet e Navarro, col pilota Aspar che rimane comunque secondo e quello SpeedUp che scivola al quarto posto dietro a Fernández. Lo spagnolo pare l’unico col ritmo sufficiente per impensierire il fratello di Alex, e difatti sorpassa anche Canet e si mette alla caccia dell’inglese; il suo rivale per titolo rimane invece inchiodato alle spalle di Stefano Manzi e Chantra.

Dopo diversi giri di attesa, l’attacco del figlio d’arte sul thailandese giunge alla staccata del Carro, ma è totalmente fuori misura: Remy dà una spallata a Chantra e quest’ultimo finisce a terra incolpevole, mentre Gardner prosegue con la settima posizione ma con la mannaia dei giudici di gara sopra la sua testa. A complicare ulteriormente la sua gara c’è il ritorno in gran carriera di Augusto Fernández, che lo passa e lo semina senza tanti complimenti. Nel frattempo scivola Cameron Beaubier alla stessa curva.

L’occasione per Raúl è troppo ghiotta ed il distacco di tre decimi da Lowes troppo esiguo per non provarci. Lo spagnolo attende la metà gara per lanciare il suo attacco, che arriva puntuale al quattordicesimo giro in curva 7. Nello stesso momento Gardner viene sanzionato per l’incidente con Chantra con un long lap penalty, che compromette ulteriormente la sua gara.

La situazione, però, si ribalta completamente al sedicesimo giro: Raúl giunge alla staccata della Quercia leggermente più piegato verso sinistra, quel tanto che basta per far sì che la sua Dunlop anteriore si blocchi e gli faccia perdere l’avantreno, spedendolo ad alta velocità nella via di fuga. Fernández è indenne, ma i 25 punti buttati sono un macigno pesantissimo ed un regalo enorme al compagno-rivale, che dopo il long lap rimane settimo (seppur insidiato da Bezzecchi).

Davanti la lotta per la vittoria continua, con ora Canet al comando a seguito di un lungo di Lowes alla stessa curva. La minaccia più importante per entrambi arriva però da Augusto Fernández, il quale stampa il nuovo giro record e si porta in men che non si dica al terzo posto, dopo aver passato Vietti ed aver approfittato i uno sbaglio di Navarro. A cinque giri dalla fine il distacco di Augusto è di 1”7 dalla coppia davanti, con Lowes che rischia anche di perdere il posteriore in uscita dal Tramonto.

L’inglese di Marc VDS ricostruisce però la sua gara nel giro successivo, recuperando sette decimi a Canet e compiendo un attacco rischioso ma vincente nel cambio di direzione 1-2, con l’anteriore della sua Kalex che non l’abbandona per miracolo. Più indietro Bezzecchi ha superato Gardner per la settima piazza, ma il pilota Sky VR46 vede la sua gara terminare anzitempo per una scivolata alla Misano 1, che riconsegna il risultato all’australiano.

Quel sorpasso alla variante vale un successo, poiché Lowes taglia il traguardo per primo per la terza volta quest’anno. Canet sembrerebbe al sicuro in seconda posizione, ma in uscita dall’ultima curva la sua Boscoscuro non dà sfogo a tutta la propria potenza e viene sverniciata da Fernández, che completa la doppietta Marc VDS. Vietti termina quarto (miglior risultato stagionale per lui), davanti a Navarro, Manzi, Gardner, Di Giannantonio, Ogura e Ramírez.

Posizioni dunque invariate nel campionato del mondo, ma ora la situazione si fa decisamente più complicata per Raúl Fernández: i 18 punti che lo separano da Remy Gardner (280 a 262) potrebbero essere troppi con due gare da svolgere, mentre Marco Bezzecchi esce definitivamente dai giochi per il titolo. Sam Lowes torna invece a guadagnare margine su Augusto Fernández nella lotta interna al team belga, mentre Arón Canet sorpassa Di Giannantonio per la sesta piazza, con quattro punti a separarli.

Ecco i risultati del GP Emilia-Romagna classe Moto2 e la classifica piloti.

Fonte immagine: marcvds.com

Leggi anche

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO