Moto2 | GP Catalunya: Luca Marini torna a primeggiare, terzo successo dell’anno

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Nel duello tra l’italiano e Sam Lowes prevale il primo, che porta a +20 il suo vantaggio in classifica su Bastianini (sesto). Bezzecchi settimo, bene le Speed Up al terzo e quarto posto.


Nella seconda gara disputata al Montmelò quest’oggi, Luca Marini ha vinto il Gran Premio di Catalunya classe Moto2, ottenendo così il suo terzo successo stagionale. Per il fratellastro di Valentino Rossi è anche il quinto podio dell’anno, che gli permette di allungare tremendamente in campionato approfittando delle giornate difficili di Enea Bastianini e del compagno Marco Bezzecchi, al traguardo rispettivamente in sesta e settima posizione.

Come in Moto3, anche stavolta due italiani hanno concluso sul podio grazie anche al terzo posto di Fabio Di Giannantonio, sulla Speed Up del team di Luca Boscoscuro. In mezzo a Marini e Di Giannantonio ha concluso Sam Lowes, in lotta con il pilota Sky VR46 per il successo fino al penultimo giro, quando un errore l’ha costretto ad alzare bandiera bianca.

LA CRONACA

Alla partenza Marini sfrutta bene la pole position ottenuta ieri e guida nelle prime curve seguito dal duo Speed Up Di Giannantonio-Navarro, a cui segue il compagno Bezzecchi. Dalla quarta fila scatta divinamente Enea Bastianini, che si mette all’esterno della 1 e passa diversi piloti per salire al quinto posto, tra cui Sam Lowes.

Nei primi passaggi il telaio italiano sembra comportarsi meglio di quello Kalex, tanto che Di Giannantonio stuzzica Marini nel primo settore della pista, senza però affondare l’attacco. Dopo il terzetto di testa si è già creato un discreto gap, con Bezzecchi che fa da tappo a Bastianini e soprattutto a Sam Lowes, il più veloce in pista al momento. Presto l’inglese passa il pilota Italtrans, per scavalcare poi anche “Bez”.

I due italiani sembrano in sofferenza, tanto che Bastianini viene anche raggiunto e attaccato dalla coppia del team Petronas, con Vierge che passa alla 5 aprendo lo spazio anche per Dixon. Il team malese paga però una doppia battuta d’arresto ben presto, con l’inglese che si ritira per un guasto tecnico e lo spagnolo che vola fuori in curva 5, riuscendo però ad alzarsi con le sue gambe fortunatamente.

Problemi anche per Bezzecchi, che sbaglia la staccata della Caixa perdendo tante posizioni e scendendo al 13° posto. Non è l’unico a sbagliare al rampino della 10 però: Lowes, dopo aver superato Navarro, punta a Di Giannantonio ma lancia il suo attacco proprio alla Caixa, arrivando troppo lungo e facendo perdere secondi preziosi sia a sé stesso che all’italiano. Alla fine, alla successiva staccata della 1, arriva l’affondo, mentre Joe Roberts passa Jorge Navarro per il quarto posto (sempre alla prima esse).

La lotta a distanza sui tempi tra Marini e Lowes ben presto si trasforma in una lotta ravvicinata, con l’inglese che è il più rapido in pista e Marini che deve difendere il suo distacco. A metà gara il #22 ha raggiunto l’italiano al comando, mentre “Diggia” si concentra più a contenere il rientro di Roberts e del compagno Navarro. Sta risalendo anche Canet con la terza Speed Up, ma lo spagnolo compie un errore al rampino 10 scendendo dal sesto al nono posto, alle spalle di Bezzecchi che sta risalendo.

C’è movimento anche nelle retrovie: Gardner si becca un long lap penalty per aver superato troppe volte i limiti del tracciato, Somkiat Chantra arriva lungo alla chicane 7-8 e Jorge Martín si ritira per problemi meccanici sulla sua Kalex KTM. Davanti invece la situazione muta a favore di Lowes, con l’ex-campione della Supersport che sorpassa Marini a sette giri dalla fine per la prima volta. Intanto c’è lotta anche per il quarto posto, e dopo diversi tentativi falliti alla Caixa Navarro riesce a liberarsi di Roberts alla prima staccata.

La rimonta di Lowes pare però aver intaccato la tenuta delle sue gomme, così che Marini possa ancora rimanere in scia al fratello di Alex. Dopo un errore dell’inglese alla 10 che gli fa perdere un paio di decimi di margine che aveva, Marini sfrutta nuovamente la scia sul lungo rettilineo per attaccarlo alla 1 e riprendersi il comando al penultimo giro. Un errore di Lowes alla 7 chiude i giochi per la vittoria, mentre il compagno Fernández chiude anticipatamente la sua gara scivolando alla 1, mentre era in settima posizione.

Luca Marini vince così la sua terza gara stagionale, nonché la sesta in carriera. Lowes ottiene un altro prezioso secondo posto dopo il podio a Misano 2, mentre Fabio Di Giannantonio si rifà dal suo brutto periodo conquistando l’ultima posizione nei primi tre. Il suo compagno Jorge Navarro conclude la bella giornata di Boscoscuro con il quarto posto, davanti a Roberts, Bastianini e Bezzecchi. Ottavo Canet, che forse avrebbe potuto ottenere di più senza l’errore fatto.

Nella generale torna a crescere il vantaggio di “Maro”, pari ora a 20 punti su Bastianini e a 36 sul compagno di box; non si può definire un vantaggio di sicurezza, ma con questo ritmo l’italiano potrebbe allungare non di poco anche nella doppia tappa di Aragón. Bezzecchi tra l’altro deve stare attento al ritorno di Sam Lowes, quarto nella generale con 103 punti contro i suoi 114.

Qui i risultati della gara svolta e la classifica iridata.

Fonte immagine: Twitter / Sky Racing Team VR46

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

MotoGP | Takaaki Nakagami rinnova con LCR per i prossimi anni

Contratto pluriennale tra il team di Lucio Cecchinello e il giapponese. Honda completa così le sue due line-up.

CONDIVIDI

Moto2 | GP Catalunya: Luca Marini torna a primeggiare, terzo successo dell'anno 1
Alyoska Costantino
Sono Alyoska Costantino, per gli amici Aly. Ed è da quando avevo 6 anni che ho cominciato a vedere in televisione auto e motociclette sfrecciare a 300 km/h sui circuiti più belli di sempre. Weekend dopo weekend aumento la mia affinità col Motorsport, magari anche con categorie nuove da scoprire, specialmente con le due ruote che stanno diventando il mio pane. Pronto a dirvi le mie opinioni e ascoltare le vostre.

ALTRI DALL'AUTORE