Moto2 | GP Australia: Luthi vince di un soffio su Morbidelli, Cortese terzo

Moto2 | GP Australia: Luthi vince di un soffio su Morbidelli, Cortese terzo

Gara decisa al fotofinish quella della Moto2, con Tom Luthi che ha beffato sul traguardo un ottimo Franco Morbidelli per un soffio, soli 10 millesimi di secondo. Sul gradino più basso del podio Sandro Cortese, mai in lotta per la vittoria.

La gara ha visto un terzetto formato da Luthi, Morbidelli e Pasini scappare dagli inseguitori e controllare la corsa, con lo svizzero prevalentemente in testa. A poche tornate dal termine c'è stato il rientro di un ottimo Cortese che si è portato in terza posizione su Pasini, mentre Luthi e Morbidelli sono rimasti in testa a lottare per la vittoria.

La caduta di Pasini a tre giri dal termine ha lasciato via libera a Cortese per la terza piazza, mentre Morbidelli ha tentato l'affondo su Luthi. Sembrava fatta quando lo svizzero, sul rettilineo del traguardo all'ultimo giro, ha sfruttato la scia dell'italiano affiancandolo. La linea del traguardo posta molto in avanti ha permesso a Luthi di sopravanzare Morbidelli e di vincere per soli 10 millesimi.

Per quanto riguarda la lotta nel mondiale, il 12° posto di Zarco è compensato dal ritiro di Rins, che perde la seconda posizione nel mondiale a favore del vincitore di gara. Ora Zarco comanda con 226 punti contro i 204 di Luthi e i 201 di Rins. Morbidelli si porta in quarta posizione, davanti a Lowes caduto nelle fasi iniziali di gara.

Il risultato di gara e la classifica della Moto2.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

14,480FansLike
863FollowersFollow
1,616FollowersFollow
Moto2 | GP Australia: Luthi vince di un soffio su Morbidelli, Cortese terzo 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale. "Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE