Moto2 | Divorzio Forward Racing-MV Agusta, dal 2023 il team di Cuzari proseguirà autonomamente

MotomondialeMoto2
Tempo di lettura: 2 minuti
di Alyoska Costantino @AlyxF1
24 Gennaio 2023 - 22:18
Home  »  MotomondialeMoto2

Il marchio varesino MV Agusta riscompare dal Motomondiale dopo la brevissima (e deludente) parentesi Moto2.


Come un fulmine a ciel sereno, quest’oggi è giunta notizia di un divorzio tra un marchio ed una squadra all’interno del paddock del Motomondiale. Non stiamo parlando della MotoGP, bensì della Moto2 nella quale ha corso MV Agusta nelle ultime quattro stagioni.

Lo storico marchio varesino, autore di tanti grandi successi nei primi trent’anni di vita del Motomondiale, a maggio 2018 aveva deciso di rientrare nel Circus come telaista della categoria di mezzo, in appoggio al team Forward Racing. La squadra italo-svizzera, dopo aver abbandonato la Suter, aveva sposato il progetto della F2, moto che avrebbe dovuto, nelle stime delle due parti, raggiungere la competitività delle Kalex.

Tuttavia, questi quattro anni sono stati un fallimento per la coppia e quest’oggi il team di Giovanni Cuzari ha emanato questo breve ma eloquente comunicato: “Dopo cinque anni di sodalizio nel campionato del mondo Moto2, si interrompe la collaborazione tra Forward e il marchio motociclistico MV Agusta”.

“Forward Team, dopo attente riflessioni, ha deciso di proseguire in autonomia il progetto di sviluppo, la cui proprietà intellettuale è del team corse italosvizzero: troppo alte le richieste economiche di MV Agusta, a fronte del solo utilizzo del brand nelle corse”.

“Forward Team, nella voce del proprietario della squadra Giovanni Cuzari, augura il meglio a MV Agusta, orgoglioso di aver scritto, in queste stagioni, qualche piccolo pezzo di storia insieme al marchio di Schiranna”. 

“Il futuro è alle porte e Forward Team è al lavoro per lo sviluppo del progetto 2023 con importanti ambizioni e tanta voglia di ritornare al successo”.

A questo punto è da chiedersi se Forward seguirà l’esempio del 90% delle squadre affidandosi a Kalex o se sceglierà di sposare un nuovo progetto con un altro telaista, magari rientrante nella categoria, o ancora se punterà a creare una moto in proprio.

Fonte immagine: mvagustarepartocorse.com

Lascia un commento