Monza: sessione autografi, ne rimarrà soltanto uno

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Quello che segue è uno dei Tweet relativi alla giornata odierna a Monza.

[tweet https://twitter.com/clubforce/status/375655093833441280]

Al giovedì, come di consueto, ci sono il ‘Walk About’, la passeggiata in Pitlane per vedere e fotografare box e vetture, e a seguire la sessione autografi, con i piloti che si concedono per un’oretta circa ai fan.

Ho partecipato alle ultime tre edizioni del giovedì di Monza (2010,2011,2012), e ho constatato che, sebbene il Walk About sia relativamente fattibile, la sessione autografi è praticamente un tentato suicidio. La foto postata dalla Force India è abbastanza chiara a riguardo. Tifosi che spingono, sgomitano e quant’altro per ottenere una firma. Che, poi, è il massimo a cui puoi ambire. Se proprio si vuole esagerare, se ne possono ottenere tre o quattro se ci si accontenta di quelle dei piloti di bassa classifica.

Perchè a Monza e non solo la sessione autografi è organizzata, se mi permettete il francesismo, ad minchiam. Se hai la sfortuna di tifare per uno dei big, devi arrivare un’ora prima, piazzarti davanti al suo box e giocarti tutta la sessione solo per lui, senza poter mirare altri big, e soprattutto se ne esci indenne. Non come su altre piste dove, ordinatamente, la fila di tifosi procede incolonnata davanti a tutti i piloti, e riesce ad avere con calma firme e foto con tutti, nessuno escluso. Niente problemi di ordine pubblico, niente sgomitate, niente delusioni, niente bambini che piangono, niente coda per nulla. Una vera e propria passeggiata con la quale si può avere un minimo di contatto con tutta la griglia, senza sudare 7 camicie e in sicurezza (soprattutto se si hanno bambini al seguito).

Basterebbero semplicemente un po’ più di organizzazione e un minimo di buon senso. Tutti sarebbero felici e contenti. Invece si preferisce lasciare che la gente quasi si pesti per una firma, con il rischio poi di farsi male. Intollerabile. Per quest’anno, ho rinunciato, mentre l’anno scorso dopo i primi 10 minuti ho preferito seguire la ressa dalla tribuna di fronte ai box.

Senza contare il fatto che, negli ultimi tre anni, il prezzo a Monza del biglietto per accedere alle libere del venerdì + sessione autografi del giovedì è aumentato da 35 a 45€. E, come se non bastasse, il Walk About del Giovedì quest’anno è stato riservato unicamente ai possessori dell’abbonamento tre giorni, mentre chi ha il biglietto per le libere di domani si è accontentato solo della claustrofobica sessione autografi.

Come dire..un incentivo.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Monza: sessione autografi, ne rimarrà soltanto uno 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE