Montreal, libere 3: Rosberg su Raikkonen e Grosjean

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

E’ di Nico Rosberg il miglior tempo nell’ultima sessione di prove libere del GP del Canada 2015. Il pilota della Mercedes ha girato in 1.15.660 con Kimi Raikkonen dietro di quasi sei decimi. La sessione è stata, però, azzoppata da due bandiere rosse che non hanno permesso a tutti i piloti di esprimersi al meglio con le gomme supersoft per simulare la qualifica.

La prima bandiera rossa è stata esposta a causa dell’incidente atipico di Felipe Nasr che, scaldando le gomme con il DRS appena aperto, ha perso il controllo della sua Sauber andando a sbattere violentemente sul muretto del rettilineo di ritorno.

La seconda è stata invece esposta a pochi minuti dalla fine della sessione, per l’ennesimo problema in Mclaren Honda che, questa volta, ha fermato Jenson Button dopo che Fernando Alonso aveva saltato quasi tutta la sessione.

In questo modo, quindi, alcuni piloti (come Lewis Hamilton e Sebastian Vettel) non hanno avuto opportunità di provare il giro veloce, rimanendo attardati in classifica tempi.

Dietro Rosberg e Raikkonen troviamo Grosjean con la Lotus, che riesce a sfruttare il motore Mercedes sugli allunghi del circuito canadese. Dietro di loro altre due motorizzate Mercedes con Bottas e Perez. Sesto posto per Kvyat con la Red Bull, seguito da Felipe Massa, Sebastian Vettel con l’altra Ferrari, Carlos Sainz con la prima Toro Rosso e Pastor Maldonado a chiudere la top ten con la seconda Lotus.

Come detto, male le Mclaren: 15° Button, terzultimo Alonso con soli tre giri all’attivo. Ultimo Hamilton che, appunto, non ha potuto provare un giro veloce.

Qualifiche alle 19, questi i tempi di sessione.

libere3-canada

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci