Montoya: “Il DRS? È come dare Photoshop in mano a Picasso”

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

A Juan Pablo Montoya non è mai piaciuta l’introduzione del DRS (Drag Reduction System) – così come non gli è troppo piaciuta questa F1 degli ultimi anni. Tra un suo impegno in NASCAR e l’altro, l’ex-pilota di F1 ha confessato di non guardare molto le gare di F1, categoria dove ha corso fino a metà del 2006. “Di gare? Ne vedo si e no una o due a stagione”.

Riguardo al DRS, ecco quanto dichiarato dal colombiano: “Può essere un bene per lo spettacolo, in F1, ti fa vedere più sorpassi, ma il sorpasso è un’arte. Ora con il DRS è come dare in mano Photoshop a Picasso”.

“Una volta, in sorpasso, si rischiava molto di più. Ora non si combatte per la posizione. Si arriva sul rettilineo, se sei abbastanza vicino, usi il DRS e hai già superato il tuo avversario alla curva successiva” ha spiegato.

 

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Montoya: "Il DRS? È come dare Photoshop in mano a Picasso" 1
Alessandra Leoni
Classe 1989. Appassionata di F1, MotoGP e Superbike sin dalla più tenera età. Le piace tradurre, blaterare, leggere.

ALTRI DALL'AUTORE