Libri | “Rapiremo Niki Lauda”: una storia a tinte gialle, tutta da leggere

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

La recensione di P300.it di “Rapiremo Niki Lauda”, il nuovo libro di Carlo Cavicchi

La Formula 1 nel corso dei decenni ha vissuto momenti d’oro anche grazie ai protagonisti che l’hanno vissuta e raccontata da vicino. Il motorsport, soprattutto quello romantico, che spesso ti fa venire la pelle d’oca, è pieno di storie che lo hanno reso mitico agli occhi di noi appassionati.

Queste storie, divise da una sottile linea tra fantasia e realtà, sono protagoniste in “Rapiremo Niki Lauda”, nuova fatica letteraria firmata dalla mano del grande direttore Carlo Cavicchi.

Una storia (e nasce tutto da questa parola) che si sviluppa e si divide tra Bologna e il Friuli Venezia Giulia nell’epoca d’oro della F1 di cui il compianto pilota austriaco era punto di riferimento e immagine, non solo della stessa categoria ma anche della Ferrari.

Incredibile come Cavicchi, nel suo romanzo, sia riuscito a raccontare e confezionare insieme vicende surreali che lasciano il lettore a bocca aperta, ma con la voglia di andare avanti nonostante la sveglia sul comodino segni già le due del mattino. Tutto tra scommesse illecite, case chiuse e la parola amore che prende un significato diverso in base alle vicende raccontate.

Un giallo sul tentativo di rapire il pilota più forte dell’epoca, rimasto smorzato come un urlo dopo un rigore sbagliato dalla tua squadra preferita. Tutto descritto alla grande, con un parallelismo con la F1 dell’epoca che regala a chi legge questo romanzo la vera identità di una categoria tremendamente lontana da quella odierna.

“Rapiremo Niki Lauda” è il regalo perfetto per le prossime feste natalizie per chi ha voglia di immergersi in una storia con una trama avvincente e non scontata.

“Rapiremo Niki Lauda”
di Carlo Cavicchi
Edizioni Minerva
prezzo 20 euro
info@minervaedizioni.com

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Andrea Ettori
Andrea Ettori
Vivo a Mirandola, e sono un grande appassionato di sport. Jenson Button è il mio idolo, e il Milan la mia squadra del cuore. Sono una persona positiva, e vedo sempre il bicchiere mezzo pieno in ogni situazione. #StayPositive #ForzaEmilia

ALTRI DALL'AUTORE