L’Emilia Romagna che corre in pista!

BlogCamonjenson
Tempo di lettura: 2 minuti
di Andrea Ettori @AndreaEttori
28 Luglio 2020 - 14:30
Home  »  BlogCamonjenson

L’Emilia Romagna è la terra dei grandi marchi e delle personalità che hanno dato vita ad una grande fetta della storia del motorsport. E’ la stessa terra che dentro di sé porta la passione per i motori, oltre che per la buona cucina. Mai come in questi giorni la gente ha sentito il “profumo delle annate migliori”, quelle in cui le due e le quattro ruote portavano il carrozzone dei loro mondiali in questa terra.

Il ritorno della Formula 1 a Imola dopo 14 anni e la denominazione di “GP dell’Emilia Romagna” sono e saranno un vanto per chi ha lavorato e ottenuto questo incredibile ritorno. E’ vero, la pandemia ha paradossalmente aiutato il rientro del circuito del Santerno, rinnovato dopo tante problematiche soprattutto politiche e anche ambientali.

Era dal 1999 che Motomondiale e Formula 1 non avevano entrambi un GP nella mia regione in calendario. Perché anche le due ruote, con il doppio appuntamento della MotoGP di Misano, saranno protagoniste a settembre. In questi ultimi anni il motorsport ha passo dopo passo preso sempre più piede, come succedeva negli anni scorsi, nelle piste di tutta la regione. Dal mondiale di motocross, ritornato proprio a Imola dopo 50 anni e che in questa stagione vedrà Faenza come protagonista, alla Superbike sempre presente a Misano e nella stessa Imola.

Il rombo dei motori è già tornato a suonare per la prima volta post lockdown grazie al GT World Challenge, che di fatto ha dato via alla stagione 2020 da queste parti.

Che siano due oppure quattro ruote, l’Emilia Romagna è tornata a correre in pista!