La Malesia pronta a mollare il colpo. Perché va tutto bene…

La Malesia pronta a mollare il colpo. Perché va tutto bene…

Tutto meraviglioso, tutto fantastico, luccicante, mirabolante… falso.

È notizia di oggi che in settimana – pare giovedì – gli organizzatori del GP della Malesia si riuniranno per decidere il futuro dell’appuntamento di Sepang, in calendario dal 1999. Motivazioni?

– Crollo della vendita dei biglietti a partire dal 2014.
– Calo degli ascolti televisivi, al minimo nel 2016.
– Conseguenti ritorni minimi.
– Costo di organizzazione dell’evento sempre troppo alto.
– Appuntamenti nelle vicinanze (Singapore, Cina, Medio Oriente) che portano via spettatori dal Sepang International Circuit.
– Per finire, il contributo di Petronas, storica casa petrolifera locale (e sponsor principale di Mercedes a partire dal 2010) è a rischio, vista la crisi del prezzo del petrolio che ha colpito la compagnia.

Sì, ho finito, ma credo possa bastare. Ora: la gara ha un contratto con scadenza 2018, quindi per altri due anni il Gran Premio dovrebbe svolgersi regolarmente. Il condizionale è d’obbligo perché la situazione pare talmente delicata che, nel caso, potrebbe esserci anche un break per permettere agli organizzatori di respirare, economicamente parlando. Il tutto dopo che l’intero tracciato è stato appena riasfaltato (ad opera di un’azienda italiana, la Dromo) proprio in previsione della gara di inizio ottobre.

A vederla così, il destino di Sepang (almeno per la F1, la MotoGP costa infinitamente meno e rende di più) pare già segnato oltre la naturale scadenza. Il che è un peccato perché la prima creatura di Hermann Tilke è, personalmente, la migliore di tutte quelle da lui progettate a livello di layout e tecnica richiesta. Mi aveva illuso, Hermann, perché poi tutte quelle arrivate dopo sono state da pelle d’oca al contrario.

Beh, che dire. Comunque vada la tendenza questa è, e credo che poco si possa fare. Se dovesse uscire la Malesia ci sarà un’altra Baku, che non ha problemi economici e riempie i balconi con abili mestieranti fingendo di avere folto pubblico presente.

Ma tanto va tutto bene, la F1 è spettacolare, i fuochi d’artificio di Singapore sono suggestivi, la Ferrari ha il passo della Mercedes (ogni venerdì) e con il bianco sulla carrozzeria si tirano giù due decimi al giro.

Bene ma non benissimo.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

14,525FansLike
866FollowersFollow
1,630FollowersFollow
La Malesia pronta a mollare il colpo. Perché va tutto bene... 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE