Jacques Villeneuve: “La Formula 1 è diventata artificiale, i giovani pensano sia come giocare con i Lego”

CONDIVIDI

Jacques Villeneuve è tornato all’attacco della Formula 1 moderna. Il pilota canadese, vincitore del campionato di Formula 1 nel 1997, sostiene che le regole introdotte negli ultimi anni stiano snaturando la Formula 1, trasformandola in uno sport del tutto artificiale.

Le regole sono troppo restrittive: ho sempre guardato alla Formula 1 come ad uno sport estremo, ma ora non mi sembra più tale. Per colpa di tutte queste regole non è più uno sport puro; è diventato tutto troppo artificiale” ha dichiarato il 43enne, ora commentatore e opinionista televisivo, non nuovo a critiche dello stesso genere.

Un altro aspetto che secondo Villeneuve sta logorando la Formula 1 sono i giovani piloti, inconsapevoli del loro ruolo, mentre i più esperti non riescono più a rivendicare la propria esperienza: “I piloti non riescono più a fare la differenza. Di solito si arrivava in Formula 1 più o meno all’età di vent’anni, ma solo se già diventati uomini. Ora i giovani pensano che correre sia come giocare con i Lego.

È tutto noioso, i tifosi si allontanano: si sente che si è perso qualcosa” ha concluso ricordando così le tribune degli autodromi sempre più deserte e gli ascolti televisivi in calo.

SEGUICI


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

ALTRI DALL'AUTORE

SEGUICI