Intervista esclusiva a Nathan Gooch, Direttore Generale di Spark Models

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Spark Models è una delle più grandi realtà, probabilmente la migliore, nel settore del modellismo statico. Nel corso degli ultimi anni noi collezionisti abbiamo apprezzato il lavoro di questa azienda nella realizzazione di monoposto, moto, prototipi e tanto altro nelle diverse scale di grandezza.

P300.it ha avuto il grande piacere in esclusiva di intervistare Nathan Gooch, Direttore Generale di Spark Models, che ci ha raccontato il mondo del modellismo visto da chi lo produce a così alti livelli.

Come avete vissuto in Spark questa crisi dovuta al Covid-19?
“Abbiamo affrontato bene questa crisi, considerando l’impatto che il Covid-19 ha avuto su altri settori lavorativi come le aziende automobilistiche e i team con cui lavoriamo. La cancellazione e il ritardo di molti eventi motoristici avrà un impatto per noi perché non possiamo sviluppare questi modelli. Però non vediamo l’ora di offrire agli appassionati modelli di auto e moto una volta che le gare riprenderanno, anche se a porte chiuse”.

Quante persone lavorano in Spark Models?
“In Spark lavorano esattamente 1200 persone”.

Da quanto tempo è il Direttore di Spark Models e qual è la vostra filosofia lavorativa?
“Lavoro per Spark Models da poco più di un anno e ho un background automobilistico legato al motorsport. La filosofia di Spark è quella di produrre modelli per persone come noi. Per fortuna, abbiamo un team diversificato con molti interessi differenti. Lavoriamo poi collettivamente per offrire una vasta gamma di modelli dettagliati, che crediamo si rifletta nella nostra collezione”.

Come scegliete i vari modelli da produrre?
“Discutiamo di nuovi modelli da sviluppare e produrre in base alle nostre priorità in quel momento. Ci poniamo domande come: ‘Ci piace questa auto o questa moto?’ o ‘È un modello importante da realizzare?’. Queste scelte possono venire sotto forma di un suggerimento, il lancio di una nuova auto o moto, una nuova stagione di gara, un modello che non è stato fatto prima o uno che non è stato realizzato in una scala particolare”.

Quanto tempo serve per progettare e costruire un modello?
“Dipende dalle nostre priorità in fabbrica e dal modello che stiamo sviluppando. Quando sviluppiamo le ultime auto di F1 ci vengono forniti i dati delle monoposto dai team. Questo significa che possiamo avere modelli pronti in tre mesi, che possono poi essere venduti nella stagione di gara in corso. Altri modelli, dove non abbiamo dati e punti di riferimento, possono richiedere fino a un anno di lavoro”.

Quindi siete in contatto con team e costruttori per realizzare i modelli?
“Sì, siamo in costante contatto per realizzare i nostri prodotti”.

Come scegliete un’edizione speciale di un modello e il numero di pezzi da realizzare?
“Decidiamo sulla base del particolare appeal di un modello per i nostri clienti e della richiesta, basata sulla nostra esperienza nel corso degli anni”.

Come riuscite a realizzare le monoposto di Formula 1 e soprattutto le auto storiche?
“Può essere molto difficile sviluppare questi modelli ma questo fa parte del divertimento per noi. Le monoposto sono molto dettagliate e nel caso della F1 le vetture cambiano di gara in gara. Per questo lavoriamo a stretto contatto con ogni team di F1 per ottenere i dettagli giusti. Le auto storiche rappresentano una sfida diversa in quanto di solito non ci sono dati. Quindi visitiamo persone che possiedono l’auto o i musei, facciamo foto e a volte scannerizziamo queste auto. Abbiamo una biblioteca molto grande e sempre crescente di libri, vecchie riviste e foto. Ci avvaliamo di appassionati specializzati in settori specifici come Classic F1 o LSR. Queste persone hanno conoscenze enciclopediche nei loro campi e trascorrono innumerevoli ore nella ricerca. Poi cerchiamo di produrre il modello al meglio con tutte queste informazioni che abbiamo raccolto”.

Cosa riserva il futuro a Spark e quali sono le vostre ambizioni?
“Abbiamo intenzione di continuare ad offrire una vasta gamma di modelli, come le collezioni che ancora non sono state proposte e per cui Spark è famosa. Siamo sempre alla ricerca di nuovi progetti e non vediamo l’ora di condividerli”.

Puoi anticiparmi un modello, oppure un edizione limitata che uscirà nelle prossime settimane?
“Sì, abbiamo annunciato di recente la collezione 1:18 degli storici modelli Porsche e Ford GT40 di Le Mans che verranno lanciati nell’ultimo trimestre di quest’anno. Questi possono essere ordinati tramite i nostri partner di vendita al dettaglio e distribuzione”.

C’è un modello che vi ha dato più soddisfazione in questi anni?
“Il team ha interessi diversi, quindi ogni membro ha la propria area particolare. Sia che si tratti di F1, storiche, Le Mans, MotoGP, o vetture da record di velocità e terra. Ognuno di noi ha i propri interessi che ci permettono di concentrarci sui dettagli e di offrire una vasta gamma di modelli”.

Immagine copertina: Spark Models

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

F1 | Il GP Portogallo 2020 secondo Brembo

La Guida ai sistemi frenanti Brembo per la gara all'Autodromo Internacional do Algarve Secondo i tecnici Brembo l’Autódromo...

CONDIVIDI

Intervista esclusiva a Nathan Gooch, Direttore Generale di Spark Models 1
Andrea Ettori
Vivo a Mirandola, e sono un grande appassionato di sport. Jenson Button è il mio idolo, e il Milan la mia squadra del cuore. Sono una persona positiva, e vedo sempre il bicchiere mezzo pieno in ogni situazione. #StayPositive #ForzaEmilia

ALTRI DALL'AUTORE