Intervista a Nathan Gooch di Spark Models

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

A otto mesi dal nostro precedente contatto, P300.it ha avuto nuovamente il piacere di intervistare Nathan Gooch, direttore generale di Spark Models.

In questa nuova chiacchierata, Gooch ci ha parlato dei progetti 2021 dell’azienda di modellismo con sede a Macao e dei valori che spingono questa Casa a migliorarsi sempre di più per restare il punto di riferimento assoluto di ogni collezionista di modellini statici a tema motorsport.

Grazie per questa nuova intervista. Dall’ultima volta che ci siamo sentiti, a giugno, come avete passato il resto del 2020?
“La seconda metà del 2020 è stata davvero impegnativa perché tanti eventi di motorsport si sono svolti nell’ultima parte dell’anno. Molti modellini che normalmente sarebbero stati rilasciati mesi prima sono stati prodotti negli ultimi quattro-cinque mesi”.

Quali sono gli obiettivi di Spark per il 2021?
“Siamo ottimisti riguardo il fatto che il motorsport possa tornare ad un certo grado di normalità nel 2021. Questo ci darà più modo di organizzare e produrre i modellini nel corso dell’anno. Stiamo inoltre valutando la possibilità di espandere l’offerta di Spark. Stiamo lavorando su diversi progetti con alcune Case costruttrici per produrre modellini mai visti prima”.

Quali difficoltà avete incontrato e state tuttora incontrando in questi mesi difficili?
“La sfida più grande è stata rappresentata dallo sviluppo e dalla produzione di modellini negli ultimi cinque-sei mesi del 2020”.

Quanto sentite la competizione con altre Case di modellismo statico, come ad esempio Minichamps?
“In quanto collezionisti, ammiriamo i modellini prodotti da ogni nostro concorrente, la nostra è un’industria competitiva. Non ci sentiamo per forza in competizione, Spark si è fatta un nome producendo modellini che nessun altro ha mai prodotto. Il nostro focus è sulla qualità e sul valore, tramite la nostra fabbrica interamente autogestita e più che mai produttiva. Se produciamo modellini della stessa macchina, cerchiamo di differenziare l’offerta attraverso i dettagli, la qualità degli imballaggi e la personalizzazione, cose che ci rendono i riferimenti sul mercato insieme ad un prezzo competitivo”.

Ci puoi dare un’anteprima dei modellini che verranno rilasciati nelle prossime settimane?
“Per restare aggiornati sui modellini prodotti da Spark, invito gli appassionati ad iscriversi alla nostra newsletter.

Cosa vi porta a produrre modellini così storici in maniera così dettagliata e differente?
“Questo è dovuto soprattutto al nostro entusiasmo collettivo attorno alle vetture, in quanto compagnia di entusiasti appassionati di qualunque mezzo su ruote. Ognuno ha una propria area di interesse e la propria esperienza per contribuire ai vari progetti. Gli occhi di diversi collezionisti portano a sottolineare differenti aspetti di un modellino. Qualcuno noterà l’attrattività del modello, altri le rifiniture, altri ancora i dettagli come tergicristalli, ruote o sedili. Poi ci può essere chi presta attenzione al corretto numero delle alette ignorando però altri particolari come la proporzione o la forma del modellino finito.

Riponiamo un grande sforzo nel mettere insieme tutti questi aspetti. I nostri modellini attraversano vari ‘stadi’ sulla via del prodotto finale, una serie di valutazioni da parte di vari membri del nostro team e della Casa costruttrice della vettura”.

Quanto sono influenzati i vostri nuovi prodotti dalle richieste dei collezionisti?
“Molte decisioni riguardo la produzione dei modellini dipendono dalle richieste del mercato. I modellini Spark sono venduti in tutto il mondo, cerchiamo di accontentare ogni mercato il più possibile. Siamo famosi anche per la produzione di modellini in edizioni speciali come esclusiva di determinati Paesi o regioni. Collaboriamo anche con i proprietari di club o forum alla produzione di modellini esclusivi, la cui vendita è riservata ai loro membri”.

Immagine copertina: Spark Models

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Andrea Ettori
Andrea Ettori
Vivo a Mirandola, e sono un grande appassionato di sport. Jenson Button è il mio idolo, e il Milan la mia squadra del cuore. Sono una persona positiva, e vedo sempre il bicchiere mezzo pieno in ogni situazione. #StayPositive #ForzaEmilia

ALTRI DALL'AUTORE