Matomo

Intervista a Dylan Ferrandis, leader del Supercross 250 Costa Ovest

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

P300.it ha avuto il piacere di intervistare Dylan Ferrandis, campione in carica e attuale leader di classifica della classe 250cc Costa Ovest del Supercross.

Dopo cinque stagioni complete nel mondiale MX2, disturbate da diversi infortuni e con un quarto posto nel 2014 come miglior piazzamento finale, il pilota francese si è trasferito negli Stati Uniti diventando da subito un protagonista sia dentro che fuori dagli stadi, sotto la supervisione dell’ex pilota (suo connazionale) David Vuillemin. Nel suo palmarès, attualmente Ferrandis vanta due vittorie nel mondiale e 11 tra Supercross e National.

Ecco le sue parole.

Dylan, sembri in gran forma in questo momento. Che bilancio fai di questa prima parte di stagione?
“Sono felice di questa pausa di sei settimane dopo San Diego, mi sono sentito un po’ stanco, abbiamo avuto bisogno di rallentare il nostro lavoro settimanale per arrivare pronti alle prossime gare e devo dire che ha funzionato. Ora utilizzeremo il resto di questa pausa per recuperare e per lavorare sulle nostre debolezze”.

Qui in Italia stiamo ammirando la tua guida e la tua forza mentale, quale pensi che sia il tuo principale punto di forza?
“Credo che il fatto di avere lasciato l’Europa, la mia casa, la mia famiglia e i miei amici sia la ragione principale della mia forza mentale. Abbiamo fatto tanti sacrifici per correre negli Stati Uniti, non possiamo lasciarci andare alle difficoltà e non dobbiamo mollare la presa, tengo sempre a mente tutto questo e resto sempre concentrato sull’obiettivo: vincere”.

Ci sono stati diversi episodi controversi in questa prima parte di stagione. L’impressione che i fischi dalle tribune ti abbiano invece dato più forza è vera?
“Non direi. Più che altro non ascolto gli altri e non do loro attenzione, do fiducia solo alle persone che mi stanno vicine, qualunque cosa accada”.

Quanto è difficile dover restare sempre al top per vincere i campionati?
“È più dura di quanto non si creda, è davvero difficile, è un lavoro 24/7 e ogni giorno è una battaglia per restare in salute, motivati, veloci, forti e attivi”.

Cosa ti aspetti dalla seconda parte di stagione?
“Mi aspetto di arrivare al prossimo round al 100%. Se dovesse essere così penso che il lavoro di quest’inverno, che ha dato frutti per la prima parte di stagione, possa essere redditizio anche per la seconda”.

Quanto è importante avere un compagno di squadra veloce come Justin Cooper per essere al top? Com’è il tuo rapporto con lui?
“La nostra relazione è molto buona adesso, durante la stagione outdoor dell’anno scorso era tutto più complicato ma penso che ora siamo cresciuti entrambi, corriamo entrambi per la vittoria ma con rispetto. Alla fine, vince il pilota più veloce”.

Cosa pensi di Austin Forkner? Qual è il suo punto di forza?
“Austin è davvero un ottimo pilota. Ovviamente l’anno scorso ha vinto tantissime gare, quindi sa come si fa a vincere, poi riesce sempre a partire bene e questo è un bel vantaggio”.

Qual è il tuo punto forte e cosa pensi di dover migliorare per confermarti campione?
“Credo che il mio punto forte sia la mia forma fisica, devo migliorare invece sulle partenze ma ci stiamo lavorando e abbiamo già fatto progressi dall’anno scorso”.

Quando ti vedremo in 450cc?
“L’anno prossimo correrò in 450cc”.

La MXGP può essere un obiettivo per il tuo futuro o resterai concentrato sulle corse in America?
“Non lo so, sono venuto negli Stati Uniti per gareggiare nel Supercross, se la MXGP avesse anche un campionato di Supercross competitivo probabilmente gareggerei lì ma in questo momento sono felice di correre in America. Voglio vincere qui anche in 450cc, poi vedremo”.

Ringraziamo nuovamente Dylan Ferrandis per l’intervista e gli auguriamo un buon proseguimento di 2020.

Si ringrazia Federico Bendusi per la collaborazione

Immagine copertina: supercrosslive.com

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Intervista a Dylan Ferrandis, leader del Supercross 250 Costa Ovest 1
Andrea Ettori
Vivo a Mirandola, e sono un grande appassionato di sport. Jenson Button è il mio idolo, e il Milan la mia squadra del cuore. Sono una persona positiva, e vedo sempre il bicchiere mezzo pieno in ogni situazione. #StayPositive #ForzaEmilia

ALTRI DALL'AUTORE