IndyCar | Termina la partnership strategica tra Arrow McLaren e Juncos Hollinger Racing

IndyCar | Termina la partnership strategica tra Arrow McLaren e Juncos Hollinger Racing

IndyCar
Tempo di lettura: 2 minuti
di Alyoska Costantino @AlyxF1
7 Giugno 2024 - 16:00
Home  »  IndyCar

Dopo lo scontro a Detroit tra Pourchaire e Canapino, le rispettive squadre dei due piloti hanno posto fine alla loro “alleanza”.


Il GP di Detroit disputato settimana scorsa tra le stradine della città del Michigan ha continuano a lasciare strascichi in questi giorni di avvicinamento al Gran Premio di Road America. Dopo il caso sorto per le minacce e gli insulti di una parte del pubblico inviati ai danni di Théo Pourchaire dopo l’incidente con Agustín Canapino, nonché i successivi comunicati rilasciati dalle varie parti (team in primis, ma anche Canapino stesso), le squadre delle due parti hanno deciso di mettere la parola fine ai propri rapporti strategici.

Arrow McLaren e Juncos Hollinger, che condividevano quest’alleanza commerciale, hanno separato le proprie strade, questo a pochi giorni dall’aver dichiarato di essere unite contro la fetta di tifoseria colpevole di aver insultato e minacciato Pourchaire su X.

Queste le dichiarazioni di McLaren: “Il team IndyCar Arrow McLaren ha terminato la sua alleanza commerciale con Juncos Hollinger Racing, con effetto immediato. Questa decisione fa seguito alle azioni avvenute all’inizio di questa settimana sui social media in merito a un incidente in pista al Gran Premio di Detroit. Come ribadito nel codice sui social media della comunità del nostro team, Arrow McLaren non tollererà alcuna forma di abuso o discriminazione e condannerà totalmente gli abusi online diretti al nostro team e al nostro pilota”.

Una decisione, da parte di McLaren, figlia forse delle azioni compiute da Agustín Canapino sui social, dove ha sì denunciato il fatto ma prendendo comunque le distanze da quanto successo, per di più condividendo e mostrando apprezzamento ad alcuni dei suddetti messaggi rivolti contro Pourchaire.

Forse la squadra color papaya si aspettava una risposta un po’ più dura, nei confronti del pilota argentino, da parte del team Juncos, che invece ha continuato a mantenere il proprio sostegno verso il #78 nonostante tutto.

Fonte immagine: indycar.com

Leggi anche

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

LE ULTIME DI CATEGORIA
Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO
RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live