Indycar | GP St.Petersburg 2014: Power vince la prima stagionale

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Will Power si è aggiudicato il Gran Premio di St. Petersburg, la prima gara stagionale del campionato Indycar, precedendo sul traguardo Ryan Hunter-Reay e il suo compagno di squadra Helio Castroneves. L’australiano, partito dalla seconda fila, ha conquistato la testa della corsa all’inizio del 31° giro con un gran sorpasso all’esterno della prima curva nei confronti di Takuma Sato e non l’ha più mollata fino al traguardo se non in occasione dei pit stop; per lui è la terza vittoria consecutiva in Indycar, considerando le ultime 2 del 2013, e la seconda in carriera sul tracciato della Florida; per il team di Roger Penske è invece la sesta vittoria nelle 11 edizioni del Gran Premio di St. Petersburg finora disputate. Power è stato protagonista di un episodio controverso alla ripartenza all’82° giro dopo il primo periodo di pace car, causato da un lungo di Charlie Kimball alla staccata in fondo al rettilineo del traguardo: il pilota del team Penske ha aspettato moltissimo prima di accelerare ed ha creato scompiglio in mezzo al gruppo; Marco Andretti e Jack Hawksworth ne hanno fatto le spese rimanendo coinvolti in un incidente che, inevitabilmente, ha portato al secondo (e ultimo) ingresso della Pace Car.

Alle spalle di Power si è piazzato Ryan Hunter-Reay che ha scavalcato Helio Castroneves, terzo al traguardo, dopo l’ultima ripartenza; entrambi sono riusciti a scavalcare Takuma Sato anticipando il secondo pit stop rispetto al pilota giapponese; per un certo periodo Castroneves sembrava anche in grado di riprendere il suo compagno di squadra Power, rallentato dal doppiato Saavedra, ma la successiva neutralizzazione e il sorpasso subito da parte di Hunter-Reay gli hanno negato ogni velleità di vittoria.

Quarto si è classificato Scott Dixon, il campione in carica, davanti ad un ottimo Simon Pagenaud, partito quattordicesimo, e a Tony Kanaan, suo compagno di squadra nel team Ganassi. Gara piuttosto deludente per Takuma Sato: il pilota del team di Foyt era partito benissimo guadagnando subito un buon margine sui suoi inseguitori, ma dopo aver montato le gomme dure al primo pit stop non è più riuscito a tenere il ritmo dei suoi avversari ed ha lentamente perso posizioni su posizioni terminando il Gran Premio al settimo posto. Justin Wilson, Josef Newgarden e Ryan Briscoe completano la top-10; da rimarcare la notevole prestazione del giovane pilota del team di Sarah Fisher, partito ultimo e risalito fino alla nona posizione.

Quindicesimo è arrivato Juan Pablo Montoya, protagonista di un difficile ritorno alle ruote scoperte: il colombiano di Penske ha mostrato una certa aggressività, ma ha pagato la sua inesperienza nel gestire la Dallara DW12 e, soprattutto le gomme Firestone, tanto che è stato costretto a fermarsi ai box per ben 4 volte contro le 3 effettuate dal resto dei piloti. Alle spalle di Montoya si è piazzato Mike Conway, autore di una grande gara fino alla prima neutralizzazione, quando per colpa di un’incomprensione con il suo box è rimasto in pista anzichè rientrare in pit lane per il rifornimento assieme a tutti gli altri; inoltre nel giro successivo ha sorpassato la Safety Car dopo aver male interpretato il segnale del copilota che indicava ad un pilota doppiato di superare la vettura di sicurezza ed è quindi stato penalizzato con un drive through.

Al termine della gara di St. Petersburg la classifica del campionato vede Will Power in testa con 53 punti, Hunter-Reay a 40, Castroneves a 35, Dixon a 32 e Pagenaud a 20. Il prossimo appuntamento con la Indycar è tra 2 settimane con un grande classico dell’automobilismo americano, il Gran Premio di Long Beach.

Classifica dopo 110 giri

Pos.PilotaMotoreTeamTempo
1Will PowerChevroletPenske2h06:57.6288
2Ryan Hunter-ReayHondaAndrettia 1.9475
3Helio CastronevesChevroletPenskea 7.8716
4Scott DixonChevroletGanassia 15.9685
5Simon PagenaudHondaSchmidta 17.3937
6Tony KanaanChevroletGanassia 20.3882
7Takuma SatoHondaFoyta 20.8561
8Justin WilsonHondaCoynea 21.0622
9Josef NewgardenHondaFishera 21.5544
10Ryan BriscoeChevroletGanassia 23.9897
11Sebastian SaavedraChevroletKV Racinga 34.4041
12Mikhail AleshinHondaSchmidta 34.9969
13Sebastien BourdaisChevroletKV Racinga 35.3526
14Graham RahalHondaRahala 38.9881
15Juan Pablo MontoyaChevroletPenskea 40.3350
16Mike ConwayChevroletCarpentera 40.9140
17Carlos MuñozHondaAndrettia 44.6244
18Carlos HuertasHondaCoynea 47.5637
19James HinchcliffeHondaAndrettia 1 giro
20Charlie KimballChevroletGanassia 2 giri
21Jack HawksworthHondaHertaa 27 giri (rit.)
22Marco AndrettiHondaAndrettia 28 giri (rit.)

P300 MAGAZINE

Indycar | GP St.Petersburg 2014: Power vince la prima stagionale

Continua a seguirci

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Indycar | GP St.Petersburg 2014: Power vince la prima stagionale

Continua a seguirci