Indycar | Scott McLaughlin debutterà in Indycar al GP di Indianapolis

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Tre settimane fa, sulla pista di Sebring, Scott McLaughlin aveva avuto l’opportunità di provare per la prima volta una monoposto Indycar che gli era stata messa a disposizione dal Team Penske, ma fin da subito le voci che circolavano facevano presagire che quel test non fosse fine a sé stesso; oggi ne è arrivata la conferma.

Il pilota neozelandese, vincitore degli ultimi due campionati della Supercars Australiana, farà il proprio esordio ufficiale nella Indycar Series il prossimo 9 maggio, quando parteciperà per la prima volta al Gran Premio di Indianapolis.

McLaughlin guiderà la quarta monoposto del team Penske che sulla carrozzeria porterà il numero 2, lo stesso lasciato libero da Newgarden che quest’anno, in qualità di campione in carica, sfrutterà il diritto di portare l’1. Sulla stessa macchina McLaughlin prenderà parte anche ai test pre-stagionali al Circuit of the Americas, che si svolgeranno la prossima settimana.

Per quanto concerne Helio Castroneves, che a fine maggio proverà a vincere per la quarta volta in carriera la 500 Miglia di Indianapolis, il Team Penske ha già fatto sapere via Twitter che, al contrario di quanto accaduto negli ultimi due anni, il brasiliano non parteciperà al GP di Indianapolis, ma solamente alla Indy 500.

Nelle ultime stagioni McLaughlin è stato il punto di riferimento nella Supercars australiana, campionato in cui milita a tempo pieno dal 2013. Dopo i primi anni di apprendistato presso il team di Garry Rogers, nel 2017 McLaughlin è passato al Dick Johnson Racing-Team Penske lottando per il campionato fin dal primo anno e perdendolo solo al termine dell’ultima incredibile gara dell’ultimo appuntamento stagionale a Newcastle.

Nelle due stagioni successive non ce n’è più stato per nessuno: nel 2018 McLaughlin ha vinto il suo primo campionato, sempre all’ultima gara, concedendo il bis lo scorso anno quando si è preso il lusso di chiudere i giochi con un appuntamento d’anticipo sulla conclusione della stagione.

Nelle ultime tre stagioni il neozelandese col team DJR-Penske ha vinto 35 gare e conquistato 44 pole position; lo scorso anno ha conquistato ben 18 vittorie (record nella Supercars australiana) tra cui quella alla Bathurst 1000, la gara più prestigiosa della categoria.

Queste le parole dei diretti interessati.

Scott McLaughlin: “Gareggiare contro alcuni dei migliori piloti a ruote scoperte al mondo in uno dei tracciati più storici nello sport dei motori è un’occasione eccezionale. Sono esaltato dalla sfida di provare a vincere il mio terzo campionato Supercars consecutivo, ma al tempo stesso non vedo l’ora di sfruttare questa opportunità“.

Per un pilota è un sogno avere la chance di correre in Indycar per il Team Penske. Con l’esperienza che ho accumulato nel test di Sebring ho un po’ più di consapevolezza in merito a ciò che mi devo aspettare quando tornerò in macchina al COTA. Voglio solo apprendere il più possibile ogni volta che salirò in macchina in modo da sfruttare al massimo l’opportunità di correre con questa squadra il Gran Premio di Indianapolis“.

Roger Penske: “Nelle ultime tre stagioni Scott ha raggiunto enormi successi nel campionato Supercars col DJR-Team Penske e noi crediamo che il suo talento e le sue capacità di guida continueranno ad esprimersi anche al volante di una IndyCar. Sarà interessante valutare i suoi progressi nel suo lavoro di preparazione al GP di Indianapolis. Sappiamo che Scott lavorerà sodo per migliorare ad ogni giro e, una volta che si sarà abituato alla Indycar Series, rappresenterà al meglio il Team Penske“.

Immagine di copertina da https://twitter.com/Team_Penske

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

ALTRI DALL'AUTORE