Indycar | Karam torna con Dreyer&Reinbold per l’Harvest GP di Indianapolis

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Per Karam e la sua squadra, l’Harvest GP marcherà la terza e la quarta gara stagionale

La griglia di partenza in vista del prossimo Harvest GP di Indianapolis continua ad espandersi: dopo l’ingaggio di Sebastien Bourdais da parte del team Foyt per le ultime tre gare stagionali e per l’intero 2021, è arrivata l’annuncio della partecipazione del team Dreyer&Reinbold e di Sage Karam al prossimo evento della NTT IndyCar Series. Pilota e squadra completano così il filotto di apparizioni all’Indianapolis Motor Speedway dopo il GP di Indianapolis di luglio e la 500 Miglia di agosto.

Con la partecipazione alle due gare dell’Harvest GP, il team Dreyer&Reinbold riesce così a centrare l’obiettivo di disputare quattro gare in questo campionato: prima della rivoluzione in calendario dettata dalla pandemia di Sars-CoV-2, il team aveva previsto di prendere parte ai due appuntamenti di Indianapolis e ai GP di St.Petersburg e Toronto.

Nelle due gare finora disputate, Karam ha conquistato un 23° posto al GP di Indianapolis e un 24° alla 500 Miglia; meglio di lui ha fatto JR Hildebrand, che ha tagliato il traguardo della gara su ovale più famosa al mondo in 16esima posizione.

Per le prossime due gare, la monoposto #24 correrà sfoggiando i colori della Oil2Soil, produttrice di prodotti per il rapido assorbimento di petrolio, lubrificanti e idrocarburi per evitarne la dispersione nell’ambiente.

Queste le parole dei protagonisti:

Dennis Reinbold, team-owner di Dreyer&Reinbold Racing: “All’inizio di quest’anno avevamo annunciato la nostra partecipazione ad alcune altre gare [oltre alla Indy 500]. Eravamo già arrivati a St.Petersburg ed eravamo pronti a correre, quando il Covid-19 ha posto termine in anticipo al weekend. Siamo poi tornati in pista per l’INDYCAR GP, che è stata la nostra prima gara su un circuito stradale negli ultimi sette anni. Penso che in quell’occasione abbiamo imparato molto sulla macchina in configurazione da stradale e ci siamo posti l’obiettivo di disputare un’altra gara.

Il double header dell’Harvest GP si adatta perfettamente ai nostri programmi e siamo eccitati di introdurre Oil2Soil al mondo della IndyCar. Sage inoltre è migliorato molto nel corso del weekend del 4 luglio e siamo sicuri che andrà forte all’Harvest GP. Non vediamo l’ora di partecipare alle prossime due gare all’IMS.

Sage Karam, pilota della #24: “Sono eccitato di tornare all’Indianapolis Motor Speedway per l’Harvest GP con Oil2Soil come partner primario. Il team DRR ha fatto un grande lavoro per preparare la sua prima gara su un circuito stradale negli ultimi sette anni e siamo migliorati durante ciascuna sessione che si è svolta durante l’INDYCAR GP del 4 luglio. In gara siamo stati sfortunati, ma credo di aver dimostrato che la DRR Chevy #24 ha guadagnato molta velocità.

Il nostro obiettivo è di qualificarci meglio rispetto a luglio: quella gara era stata molto fisica, per via del nuovo aeroscreen e delle alte temperature, ma ad ottobre sarà più fresco. Non vedo l’ora di tornare nuovamente sullo stradale dell’Indianapolis Motor Speedway.”

Immagine di copertina da https://twitter.com/DRRIndyCar

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

ALTRI DALL'AUTORE