Indycar | Iowa 250s 2020: Dichiarazioni P17-P23 dopo Gara-1

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni dei piloti che hanno completato la prima delle due gare della Iowa IndyCar 250s tra nelle ultime sette posizioni.

CHARLIE KIMBALL (Finished 17th – #4 Tresiba AJ Foyt Racing Chevrolet): “È stata una serata deludente per entrambe le macchine dell’AJ Foyt Racing. La Tresiba Chevrolet #4 non si comportava come avrei voluto, ma so che gli ingegneri faranno un gran lavoro per migliorarla in vista di domani sera. Abbiamo tutti fatto un buon lavoro con quello che avevamo a disposizione. La giornata di oggi è stata intensa: prove libere, qualifiche e subito in gara, senza avere la possibilità di modificare la vettura. Abbiamo dovuto ricorrere ad un compromesso nella scelta dei rapporti del cambio delle altezze da terra e nel resto dell’assetto, ma è stato così per tutti e credo semplicemente che non abbiamo raccolto il massimo. Analizzeremo i dati e domani sera saremo pronti per correre altri 250 giri.”

TONY KANAAN (Finished 18th – #14 Bryant/AJ Foyt Racing Chevrolet): “È stato un peccato: la nostra macchina era costante, ma il degrado delle nostre gomme è stato più marcato che per gli altri e dovremo capire perché. È sicuramente un problema di setup. Fino a metà stint la macchina era discreta, dopodiché iniziava a perdere rapidamente velocità. In una fase di questo tipo sono andato in sovrasterzo e per non andare in testacoda sono finito all’esterno, sui marbles, e ho toccato il muro; in questo modo ho perso 18 giri. Qui la posizione in pista è molto importante e domani [partendo ottavi] saremo avvantaggiati. Credo che nella notte avremo molto su cui pensare e inoltre domani avremo un’altra ora di prove libere per fare in modo che le gomme durino più a lungo. Credo che domani avremo a disposizione una macchina da top-10.”

COLTON HERTA (Finished 19th – #88 Capstone Turbine Honda): “Non sono felice del modo in cui le cose sono andate alla ripartenza. [La INDYCAR] ha abortito la ripartenza e non ha sventolato la bandiera verde, ma nessuno mi ha detto di fermarmi, che eravamo ancora in bandiera gialla. Sono felice che Rinus [VeeKay] e io stiamo entrambi bene. So che la Capstone Honda era veloce questa sera e spero che riusciremo a dimostrarlo domani. Ringrazio la crew della #88 e tutta la squadra per il lavoro che stanno facendo per preparare la macchina in vista di Gara-2.”

RINUS VEEKAY (Finished 20th – #21 SONAX Chevrolet): “Non ho potuto fare nulla: ero ripartito bene, ma poi mi è stato detto che la partenza era stata rinviata e quindi ho mollato l’acceleratore. Credo che l’altra macchina abbia ricevuto troppo tardi quest’informazione, non lo so. Sono stato colpito, questo è chiaro. È stata dura: oggi potevamo lottare per un podio o per una vittoria, ma ci riproveremo domani. Sono felice di avere una seconda chance.”

WILL POWER (#12 Verizon Team Penske Chevrolet, P21): “Sono andato in sovrasterzo, ho perso la ruota anteriore e sono andato dritto contro il muro. Non è una bella sensazione. È incredibile ed è così frustrante. Non so cosa dire, ma per fortuna mia e dei miei ragazzi della Verizon Chevy domani avremo un’altra occasione. Non so come ringraziare la INDYCAR per tutto quello che è stato fatto per la sicurezza con l’Aeroscreen e con l’halo all’interno dell’Aeroscreen. Abbiamo appena visto Colton Herta salire al di sopra di un’altra macchina e il lavoro che è stato fatto [dalla INDYCAR] è stato fantastico. Il risultato è migliore rispetto a quelli ottenuti da qualunque altra categoria che ha introdotto qualcosa di simile. È stato fatto un ottimo lavoro”

MARCO ANDRETTI (Finished 22nd – #98 U.S. Concrete / Curb Honda): “Abbiamo provato l’undercut, che come si è visto con Askew oggi ha funzionato bene, ma durante la sosta si è bruciato un cavo della frizione e non siamo riusciti a ripartire dalla piazzola. I ragazzi sono riusciti a spingermi fuori e abbiamo percorso un altro stint, ma nella sosta successiva la macchina si è rotta definitivamente e la nostra giornata è finita. Non è il modo in cui volevamo iniziare il double header dell’Iowa – e nemmeno la stagione. Domani lotteremo per volgere la sorte in nostro favore.”

ZACH VEACH (Finished 23rd – #26 Gainbridge Honda): “È stata una delle serate più difficili della mia carriera. In qualifica la macchina non era a posto e abbiamo vissuto un momento da brivido, ma in base alle regole non abbiamo potuto cambiare la macchina tra qualifiche e gara. Abbiamo provato a fare il meglio con quello che avevamo a disposizione, ma la macchina era troppo lontana dalla finestra ideale di competitività per poter ottenere un buon risultato. Durante la seconda sosta la frizione si è rotta e ha causato un piccolo incendio che ha posto fine alla mia serata. Sono lieto che tutti stiano bene. È stata una serata difficile.”

Immagine di copertina da IndyCar Media/Joe Skibinski

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

ALTRI DALL'AUTORE