Indycar | GP Road America 2021: KO per Newgarden, Palou vince

CONDIVIDI

Palou approfitta di un cedimento di Newgarden al penultimo giro per vincere la sua seconda gara stagionale

Colpi di scena a non finire nel XXXI Gran Premio di Road America: Alex Palou ha vinto la sua seconda gara stagionale prendendo il comando delle operazioni ad appena due giri dalla conclusione a causa di un cedimento meccanico che ha arrestato la corsa di Josef Newgarden, vero dominatore della gara fino a quel momento.

La condotta di gara del pilota della #2 era stata semplicemente perfetta: partito dalla pole, fin dal primo giro aveva messo da parte un gap di sicurezza nei confronti degli avversari, gestendo la gara in ogni suo frangente. Per lui gli unici punti critici sono stati le ripartenze, sempre difficili quando si è davanti a tutti, e la gestione del carburante, resa non particolarmente semplice dalla tempistica di alcune neutralizzazioni.

Ciononostante, Newgarden aveva risposto alle avversità e agli attacchi dei suoi avversari, in particolare a quelli di Alex Palou che dopo la prima sosta si è imposto come suo più diretto inseguitore.

La ripartenza dopo l’ultima caution a due giri dalla fine sarebbe dovuta essere l’ostacolo finale da sormontare per cogliere il primo meritato successo stagionale e invece si è trasformata in un inferno. Lo scatto di Newgarden è stato buono, ma poco dopo aver superato la linea del traguardo la sua vettura ha iniziato a rallentare e il pilota del Tennessee è stato sfilato all’esterno da Alex Palou, che si è preso così la testa della gara ad appena due giri dalla fine.

Il problema meccanico accusato da Newgarden è stato tutt’altro che passeggero: costretto a procedere a bassa velocità sui lunghi rettilinei di Road America, il pilota del Tennessee è ben presto sprofondato in fondo al gruppo in 21esima posizione accusando un minuto e mezzo di ritardo negli ultimi due giri.

Della disperazione di Newgarden ha potuto gioire Alex Palou, secondo per gran parte della gara e primo sotto la bandiera a scacchi: lo spagnolo ha vinto la sua seconda gara stagionale riprendendosi la testa del campionato anche grazie alla giornata storta di Pato O’Ward, solamente nono sul traguardo. Con la stagione 2021 che è oramai entrata nella seconda metà, Palou non può non rientrare tra i contendenti al titolo.

Alle spalle del pilota della #10 del team di Chip Ganassi si sono piazzati Colton Herta e Will Power, che nelle varie fasi di gara si sono contesi le posizioni alle spalle dei primi due; alla fine il pilota del Team Andretti ha avuto la meglio al rientro in pista dopo l’ultima sosta ai box.

Quarto posto per Dixon, che perde qualche punto nei confronti del compagno di squadra ma che con questo piazzamento riesce comunque a salvare un weekend non particolarmente brillante: durante le prove libere aveva colpito un detrito e aveva conseguentemente danneggiato la macchina, mentre in qualifica era stato eliminato già al termine del primo turno. La gara del neozelandese non è stata particolarmente appariscente, ma la scelta di anticipare l’ultima sosta gli ha permesso di recuperare diverse posizioni e di chiudere in quarta posizione grazie ai problemi di Newgarden.

Ottimo anche il quinto posto di Romain Grosjean, autore di uno dei sorpassi più belli della gara quando ha sfilato Alexander Rossi all’esterno di Curva 1 a poche tornate dalla conclusione. Alle spalle del francese troviamo un altro ex Formula 1, Marcus Ericsson, capace di rimontare dopo essere finito in fondo al gruppo a causa di un testacoda.

Con quell’errore, Ericsson aveva causato una delle quattro caution di giornata: le altre sono state provocate dal testacoda di Jimmie Johnson all’uscita di Curva 7, dalla rottura meccanica sulla vettura di Kevin Magnussen (costretto a sua volta a parcheggiare in quella stessa zona della pista) e dal testacoda di Ed Jones a quattro giri dalla fine.

Per quanto riguarda gli altri piloti, Pato O’Ward ha chiuso solamente al nono posto dopo una gara molto tribolata, durante la quale non è mai realmente stato tra i protagonisti; davanti a lui si sono piazzati Alexander Rossi (7°) e Takuma Sato (8°), con quest’ultimo che ha fatto funzionare molto bene una strategia sfalsata rispetto a quella degli altri piloti. Ottimo anche il decimo posto di Max Chilton, finalmente in grado di portare a casa un risultato dignitoso dopo un inizio di stagione estremamente sfortunato.

Detto del ritiro di Kevin Magnussen, va segnalato il buon 12° posto di Oliver Askew che, come Sato e Chilton, era su una strategia differente da quella dei leader. Buono anche il debutto di Cody Ware, che nel corso del suo primo weekend nella NTT IndyCar Series non ha fatto particolari errori e si è piazzato in 19esima posizione subito dietro a Simon Pagenaud, colato a picco dopo metà gara.

Il prossimo appuntamento con la NTT IndyCar Series è con la 200 Miglia di Mid-Ohio, in programma nel weekend del 3-4 luglio.

Immagine di copertina da IndyCar Media/James Black

P300 MAGAZINE

Indycar | GP Road America 2021: KO per Newgarden, Palou vince

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Indycar | GP Road America 2021: KO per Newgarden, Palou vince