IndyCar | GP Monterey 2024, Qualifiche: sesta pole in carriera per Álex Palou

IndyCar | GP Monterey 2024, Qualifiche: sesta pole in carriera per Álex Palou

IndyCar
Tempo di lettura: 3 minuti
di Alyoska Costantino @AlyxF1
23 Giugno 2024 - 00:54
Home  »  IndyCarTop

Il campione in carica IndyCar ha la meglio nella Fast Six, pronto l’assalto alla leadership di Power (solo 15°). Kirkwood secondo.


Nella leggendaria Laguna Seca, questa notte, sono andate in scena le qualifiche del GP Monterey 2024, ottava prova del campionato IndyCar. A conquistare la pole position per la gara di domani (il cui avvio è previsto per le 15:30 californiane, 00:30 italiane) è stato Álex Palou, che si è così aggiudicato anche un punto utile ai fini della classifica.

Lo spagnolo del team Chip Ganassi Racing ha girato in 1:07.1465 nella Fast Six, tempo anche più veloce di quanto fatto da lui stesso nel Round 2 di queste qualifiche. Con esso è riuscito a regolare Kyle Kirkwood e a conquistare la propria sesta pole in carriera, nonché la seconda stagionale dopo Indy Road (non contando quella a The Thermal Club).

L’abitante della Florida si è fermato a 0″0739 dal tempo di Palou, dando prova di un’ottima prestazione per la squadra Andretti Global e corredata dalla performance di Colton Herta. Quarto posto in griglia per il figlio d’arte, nonostante qualche errore di troppo che ha probabilmente pregiudicato il suo risultato.

Ad inserirsi tra la coppia Andretti è stato Felix Rosenqvist, nuovamente autore di una grandissima performance sul giro secco. La speranza, per il team Meyer Shank, è che lo svedese possa completare l’opera in gara, mentre il suo nuovo compagno David Malukas, al ritorno in IndyCar dopo la separazione con Arrow McLaren, si è classificato 12°; un buon risultato, considerando anche le condizioni fisiche incerte del lituano-americano.

Parlando di Arrow McLaren, la prima Dallara color papaya sullo schieramento scatterà dalla quinta posizione, occupata da Alexander Rossi. L’ex-pilota di F1 ha pagato una strategia sulle tempistiche di uscita dai box non eccezionale da parte del team, che l’ha costretto a spingere per tre giri di fila e a tentare un attacco al tempo finale con gomme stanche. Il #7, tuttavia, può comunque dirsi soddisfatto e partirà con al fianco Christian Lundgaard.

Settima piazza, e primo posto tra gli eliminati dalla Fast Six, per Scott McLaughlin. Il neozelandese ha messo una pezza la sabato del team di Roger Penske, che ha visto due delle proprie tre vetture eliminate nel Round 1. Will Power, vincitore a Road America, partirà addirittura 15° e dovrà quindi difendere la leadership iridata con una dura rimonta.

Nonostante non sia nella corsa al titolo, anche Josef Newgarden (14° sullo schieramento di domani) dovrà puntare al recupero in un fine settimana che, per ora, è stato decisamente diverso per il Team Penske rispetto a quello di Elkhart Lake. Anche Scott Dixon, terzo nella generale piloti, dovrà recuperare sul poleman Palou e lo farà scattando dalla decima posizione.

La top ten è stata completata da Romain Grosjean (che ha lamentato del traffico per esser stato escluso dalla Fast Six) e Patricio O’Ward. Solo 18° Marcus Ericsson, nota dolente del team Andretti in questo sabato notte, mentre Nolan Siegel, al debutto col team McLaren al posto di Théo Pourchaire, si è qualificato 23°.

Di seguito i risultati dei Gruppi 1 e 2 del Round 1, quelli del Round 2 e i tempi della Fast Six. Infine, la classifica completa delle qualifiche.

Fonte immagine: indycar.com

Leggi anche

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

LE ULTIME DI CATEGORIA
Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO
RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live