IndyCar | Ganassi sceglie Kanaan come pilota della #48 sugli ovali

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Kanaan sostituirà Jimmie Johnson nelle quattro gare che non si correranno su circuiti stradali o cittadini

Per Tony Kanaan il ritiro dalla IndyCar Series, inizialmente previsto per la fine del 2020, si allontana di almeno un paio di stagioni: il pilota brasiliano ha infatti raggiunto un accordo biennale col team di Chip Ganassi per guidare la monoposto #48 nelle gare sui circuiti ovali, che saranno quelle alle quali non prenderà parte Jimmie Johnson.

Per Kanaan si tratta di un ritorno al passato, visto che già tra il 2014 e il 2017 aveva corso per il team di Chip Ganassi, conquistando tra l’altro il successo alla 500 Miglia di Fontana del 2014. Il suo ritorno in pista sarà patrocinato dagli sponsor NTT Data e da Bryant, che in almeno un’occasione a testa saranno primary sponsor della monoposto #48.

L’ingaggio di Kanaan chiude quindi il mercato piloti per il team di Pittsburgh, che ha definito i piloti che guideranno le sue quattro macchine: Dixon ed Ericsson sono stati confermati sulle monoposto #9 e #8, Alex Palou sostituirà Felix Rosenqvist sulla #10 mentre Johnson e Kanaan si alterneranno sulla quarta monoposto della squadra, che tornerà in pista per la prima volta dal 2017.

Queste le parole di Kanaan e di Chip Ganassi.

Tony Kanaan, pilota della Honda #48: È difficile esprimere a parole quanto sia entusiasta di questo annuncio. Quando io e Chip abbiamo iniziato a parlare della possibilità di dividere la #48 con Jimmie Johnson guidandola negli ovali, non potevo immaginare che avremmo raggiunto un accordo così velocemente. Chip Ganassi Racing rappresenta il vertice del motorsport in Nord America e poter fare nuovamente parte di questo programma con piloti così grandiosi nella loro line-up è un sogno che si realizza. Sono stato molto fortunato ad aver avuto dei buoni rapporti con i miei sponsor nel corso della mia carriera e lo prova il fatto che compagnie come Bryant ed NTT DATA tornino a sostenermi; entrambe sono state al mio fianco con diverse squadre e con entrambe ho colto delle vittorie; poter continuare a rappresentarle è un vero onore.

Chip Ganassi, Team Owner di Chip Ganassi Racing:Anche se il mercato piloti della IndyCar si sposta sempre più verso i giovani, l’esperienza è qualcosa che non si può insegnare – specialmente alla Indianapolis 500. Nel paddock non c’è nessuno più esperto di Tony e per noi era chiaro che lui rappresentasse la scelta migliore quando si è trattato di definire il nostro programma sugli ovali. Nel corso degli anni abbiamo avuto modo di conoscere NTT DATA e Bryant e siamo lieti che entrambe le compagnie tornino con noi per sostenere questo programma. Tony inoltre conosce la nostra squadra, il nostro sistema e i nostri piloti. Ci aspettiamo che la combinazione tra lui e Jimmie dia alla #48 la competitività che ci aspettiamo.

Immagine di copertina da IndyCar Media/Joe Skibinski

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

ALTRI DALL'AUTORE