Indycar | Conor Daly al posto di Marcus Ericsson a Portland

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Nel paddock del Gran Premio del Belgio si è notata ieri una presenza tanto curiosa quanto inattesa: trattasi di Marcus Ericsson, terzo pilota Sauber-Alfa Romeo ma soprattutto titolare di un sedile in IndyCar con il team Schmidt. Lo svedese ha quindi deciso di non gareggiare nel concomitante appuntamento di Portland per attendere ad una possibile sostituzione di Kimi Räikkönen, anche se la presenza del finlandese su una delle sue piste preferite è stata al momento confermata.

Il team Schmidt è corso immediatamente ai ripari chiamando il “jolly” della stagione 2019 del campionato americano, Conor Daly. Per il figlio d’arte sarà il sesto gettone di quest’annata con il terzo team diverso: dopo avere corso la Indy 500 con il team Andretti è salito sulla Carlin di Max Chilton in tutte le gare su ovale che hanno seguito quella di Indianapolis, portandosi a casa anche un sesto posto sabato scorso a Gateway, e tornerà nel box Andretti in occasione dell’ultimo round di questa stagione a Laguna Seca.

Non sarà una prima volta nemmeno con il team Schmidt, per Daly. Bisogna tornare al 2015 quando il figlio di Derek, senza sedile fisso in IndyCar, corse sulla terza vettura a Indianapolis per poi sostituire l’infortunato James Hinchcliffe a Detroit e Toronto. È dunque lecito pensare che anche il nativo dell’Indiana sia in corsa per un sedile di Schmidt in vista del 2020, quando la scuderia fondata dall’ex pilota IRL si legherà a McLaren.

Immagine copertina: indycar.com

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci