Matomo

Indycar | Castroneves correrà part-time con Meyer-Shank nel 2021

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Castroneves parteciperà a 6 gare con la monoposto #06; Harvey sarà ancora a tempo pieno sulla #60

Helio Castroneves torna a correre nella NTT IndyCar Series: il pilota brasiliano ha raggiunto un accordo col team Meyer-Shank Racing per guidare in sei gare la seconda monoposto della squadra, che scenderà in pista con il numero #06.

Nel 2021 Castroneves correrà con la #06 al Barber Motorsports Park, a Long Beach, nella seconda gara sullo stradale di Indianapolis, a Portland, a Laguna Seca e ovviamente alla 500 Miglia di Indianapolis; per il pilota brasiliano il 2021 sarà la prima volta al ‘Greatest Spectacle in Racing’ con una monoposto non schierata dal Team Penske.

Dopo l’ingresso di Liberty Media tra i soci della squadra e le voci emerse nelle ultime settimane, era chiaro che il team Meyer-Shank avrebbe ampliato le proprie operazioni a partire dal prossimo anno. Questa tesi è stata ulteriormente avvalorata dall’acquisto, da parte del team dell’Ohio, del telaio in possesso della Dragonspeed, che dopo due anni ha deciso di lasciare (almeno per il momento) la NTT IndyCar Series.

Il percorso di inserimento della #06 nella NTT IndyCar Series è simile a quello scelto dal team Meyer/Shank Racing per la #60, che nel 2018 e nel 2019 ha preso parte ad un programma parziale nella categoria; solo quest’anno la #60 e il suo pilota, Jack Harvey, hanno preso parte a tutte le gare in calendario.

Il ritorno, sia pur part time, di Castroneves segna una demarcazione generazionale sempre più netta all’interno del campionato, diviso tra giovani rampanti under-25 (Herta, O’Ward, VeeKay, Palou) e veterani over-40 (Dixon, Hunter-Reay, Bourdais, Sato, Castroneves, Johnson e probabilmente anche Kanaan).

L’arrivo della #06, sia pur con un programma part-time, rappresenta la terza entry aggiuntiva nella NTT IndyCar Series del 2021 rispetto al 2020; le altre due saranno la #48 del team Ganassi e la #3 del Team Penske.

A seguire le parole dei protagonisti.

Michael Shank, co-owner di Meyer-Shank Racing: “Siamo eccitati di avere Helio a bordo con noi per la prossima stagione. L’idea di iniziare con sei gare il programma della seconda macchina è un altro piano strategico: come ho sempre detto in passato, non faremo mai il passo più lungo della gamba. Espandere il nostro programma IndyCar è sempre stato un nostro obiettivo e questo è il modo migliore per iniziare. Naturalmente puntiamo ad avere due macchine che corrano per tutta la stagione.

Avere Helio in squadra è un grande valore aggiunto per noi: ha già vinto delle gare e porta alla squadra una quantità enorme di conoscenze. Da lui riusciremo ad imparare molto. Quest’ultima stagione è stata dura per noi, ma Jack [Harvey] ha dimostrato di avere il ritmo per stare davanti e in vista del 2021 il nostro scopo è senz’altro quello di tornare sul podio.

Helio Castroneves, pilota della Meyer-Shank Racing Honda #06: “Sono eccitato di unirmi al team Meyer Shank Racing per sei gare durante il prossimo anno. Io e Mike [Shank] ci conosciamo da moltissimo tempo e ho corso a Daytona con il suo team. Ora credo che io, Jim [Meyer], Mike e Jack [Harvey] insieme abbiamo un grande potenziale. Non so come ringraziare il Team penske per tutti gli anni trascorsi con loro, ma adesso è tempo di voltare pagina e sono emozionato di unirmi al team MSR e a questo incredibile gruppo di amici.

Jack Harvey, pilota della Meyer-Shank Racing Honda #60: “Sono esaltato dall’idea di poter sfruttare nel 2021 tutti i progressi che abbiamo fatto quest’anno. Avevamo molto potenziale, ma in tante gare siamo stati sfortunati, quindi non vedo l’ora di ricominciare. Sono sicuro che, sulla base del ritmo che abbiamo avuto quest’anno, nel prossimo potremo ottenere alcuni podi e delle vittorie. Avere Helio è un acquisto fantastico per la squadra: ha vinto tre volte la Indy 500 ed è davvero una leggenda vivente, quindi è grandioso poter lavorare con lui ed essere compagno di squadra di un pilota che ha così tanta esperienza. Vedo tutto questo come un modo per rafforzare la squadra. Non vedo l’ora che arrivi il 2021.

Immagine di copertina da IndyCar Media/James Black

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

ALTRI DALL'AUTORE