Ilmor X3: la prima 800 a punti nella storia del Motomondiale

CAMONJENSON
Ilmor X3: la prima 800 a punti nella storia del Motomondiale

La sfortunata esperienza nel mondiale della moto progettata da Mario Illien di 16 Novembre 2019, 18:00
Andrea Ettori

Siamo nell'anno 2006 e Mario Illien, con precedenti in F1 nella Cosworth e come motorista tramite la sua Ilmor, decide di intraprendere l'avventura a due ruote nella MotoGP. Un progetto ambizioso, nato grazie al nuovo regolamento che prevede il passaggio, dalla stagione 2007, alla cilindrata 800cc.

Viene realizzato un motore V4 di 75° con distribuzione pneumatica, mentre la progettazione e costruzione del telaio viene affidata alla SRT (Suter Racing Technology). Per sviluppare la nuovissima X3 viene scelto Garry McCoy, talento tra i più spettacolari dell'intero panorama motociclistico, reduce da una sfortunata stagione in sella alla Foggy Petronas nel mondiale SBK. L'australiano inizia a macinare chilometri con la nuova moto, con l'obiettivo di portarla in pista negli ultimi due appuntamenti del mondiale 2006, ad Estoril e Valencia.

L'esordio arriva proprio in terra portoghese, con un 15° posto a 4 giri dal vincitore. Un risultato storico per la X3, che diventa la prima 800cc a punti nella storia del Motomondiale. I tempi sono comunque ancora alti, con McCoy che in gara ottiene un 1:41.140 staccato di oltre 3" dalla prestazione migliore ottenuta da Kenny Roberts jr con la KR211V. A Valencia, gara passata alla storia per la vittoria del titolo di Nicky Hayden ai danni di Valentino Rossi, la X3 conquista ancora un punto, anche se a 7 giri dal vincitore della gara.

Durante l'inverno, Mario Illien non conferma Garry McCoy nonostante l'australiano avesse partecipato attivamente allo sviluppo della moto. L'obiettivo per il 2007 è quello di avere in pista due moto, con Jeremy McWilliams e Andrew Pitt ingaggiati come piloti titolari. L'inverno è piuttosto travagliato e l'avvicinamento alla gara del Qatar non semplice. La moto non cresce quanto il team si aspettava e Pitt non partecipa allo sviluppo per i postumi di una caduta a Jerez. Il debutto, finalmente con la stessa cilindrata anche delle altre moto, in Qatar è sfortunato. McWilliams e Pitt chiudono le qualifiche al penultimo e ultimo posto, staccati di oltre 4" da Valentino Rossi. In gara le cose non migliorano, con l'inglese ai box a causa di un infortunio in prova e Pitt fuori a 7 giri dal termine.

Il 15 marzo 2007 il team annuncia che non avrebbe partecipato ad altre gare del mondiale a causa di problemi finanziari dovuti alla mancanza di uno sponsor. Il 30 aprile viene annunciato il ritiro definitivo. Un vero peccato per un progetto che, con le dovute garanzie economiche, avrebbe avuto la possibilità di crescere in maniera importante.

Immagine copertina: Wikipedia


Condividi