Il weekend dei motori 16-18 settembre 2022

Redazione P300.it - 20 Settembre 2022 - 10:53

Segue l’elenco delle gare disputate nel weekend dei motori del 16-18 settembre 2022, con i link a tutti gli articoli di P300.it.

MotoGP

MotoGP | GP Aragona 2022, Gara: Bastianini batte Bagnaia all’ultimo giro, Quartararo a terra con brivido. Ducati campione costruttori
MotoGP | GP Aragona 2022, la cronaca della gara del Motorland Aragón

Moto2

Moto2 | GP Aragona 2022, gara: Pedro Acosta raddoppia i successi in casa

Moto3

Moto3 | GP Aragona 2022, Gara: Izan Guevara fa la corsa perfetta e vola a +33 in campionato. Giornata nera per García e Foggia

NASCAR

NASCAR | Truck Series, Bristol: Majeski infiamma Bristol con la prima vittoria in carriera
NASCAR | Xfinity Series: inarrestabile Gragson a Bristol!
NASCAR | Cup Series: Buescher spezza il digiuno nel caos di Bristol!

WRX

WRX | Portogallo 2022: Johan Kristoffersson completa il poker, ma viene penalizzato la domenica. Niclas Grönholm conquista la prima vittoria per CE Dealer

TCR Italy

L’ultimo appuntamento stagionale del TCR Italy trova nell’Autodromo di Vallelunga il suo teatro. Nelle qualifiche del sabato mattina è Langeveld a conquistare la pole, anche se con risultato sub-judice (che sarà ufficializzato a campionato finito, ndr) per un contatto tra l’olandese e il rivale Tavano.

Al via di Gara 1, il poleman è scattato bene, come tutti i piloti intorno a lui. Alla Curva Grande, però, un maxi incidente nelle retrovie ha catturato la scena e costretto al ritiro Brusa e Gurrieri tra i tanti. Contatto con ritiro anche per Iannotta in curva 4. La confusione generata ha costretto la Safety Car a scendere in pista per ben 13 minuti, ritornando ai box solo a metà gara.

La ripartenza ha visto un eccellente Tavano – risalito dalla P11 alla P8 – farsi largo tra gli avversari passando prima Vahtel per la P7 e poi Pussier per la P6.

A 6 minuti dal termine, Rammo è finito contro le barriere costringendo la SC a rientrare in pista per altri 5 minuti. Nel primo giro dopo la neutralizzazione l’episodio cardine è l’errore di Volt che, sbagliando una frenata, ha lasciato via libera a Baldan per il terzo posto. Dietro di loro, invece, Tavano si è portato in quinta piazza passando Tamburini, quindi Babuin per la quarta.

Sotto la bandiera a scacchi, Langeveld ha colto il quarto successo stagionale, seguito da Baldan, Volt, quindi Tavano in P4, Babuin e Tamburini in sesta posizione. Dopo la gara, Tavano ha più volte stretto e spingendolo fuori pista e, in una delle occasioni, i due sono entrati in contatto. La direzione gara ha quindi deciso di dare 10 secondi di penalità all’italiano che scivola dalla P4 alla P15, ottenendo un solo punto.

Domenica mattina è andata in scena l’ultima gara stagionale del TCR Italy 2022. A partire dalla prima fila i due fratelli Fernandez con Felipe davanti a Ruben, i quali hanno mantenuto la posizione allo spegnimento dei semafori. Dietro di loro, invece, Volt ha superato Tamburini, mentre i contendenti al titolo Langeveld e Tavano sono saliti rispettivamente in sesta e nona piazza.

Al secondo giro, il tre volte campione italiano è stato tamponato da Brusa in curva 11 e, pochi attimi più tardi è stato spedito in testacoda e quindi contro le barriere di curva 1. Qui è terminata la sua gara e il suo inseguimento al titolo.

La Safety Car è stata chiamata in causa per ben 12 minuti e, alla ripresa, una lotta decisa ha visto interessati Baldan, Clairet e Vahtel con quest’ultimo che ha ceduto la propria posizione ai primi due, scivolando in ottava piazza.

A meno di dieci minuti dal termine un tamponamento di Babuin ai danni di Ruben Fernandez ha portato lo spagnolo a perdere molte posizioni e Volt a salire in seconda piazza. Per questo motivo l’italiano verrà penalizzato di dieci secondi a fine gara.

Sul termine della corsa, un altro incidente ha congelato le posizioni e messo fine alle lotte del campionato alcuni minuti prima del previso. Pussier e Rammo si sono toccati con il francese poi insabbiato fuori dalla pista. A un minuto dal termine è stato dunque decretato il regime di Full Course Yellow, che è continuato fino a fine gara.

Sotto la bandiera a scacchi è giunto il successo di Felipe Fernandez davanti a Volt e Babuin (poi penalizzato). A salire sul podio è dunque Langeveld che è il nuovo campione del TCR Italy. Seguono Baldan e Clairet.

L’olandese ha trionfato con 381 punti davanti a Tavano che si è fermato a quota 347. Terzo posto per Babuin a 276 lunghezze, quindi Volt a 241 e il giovane Tamburini a 216.

La classifica finale è ancora sub-judice per le investigazioni in merito a quanto accaduto nelle qualifiche e nella prima gara di sabato.

Immagine: acisport.it