Il Silenzio di Marco Mattiacci

Il Silenzio di Marco Mattiacci

di 11 Maggio 2014, 18:30

Qualcuno ha sentito parlare Marco Mattiacci?

Siamo seri, non vogliamo fare ironia da quattro soldi ma solamente una piccola riflessione su questo silenzio - per alcuni "preoccupante", per altri conclamati "esperti di F1 dal divano", chiaro sintomo di incompetenza e inesperienza - che porterà la Ferrari a un'altra annata di transizione.  Noi non vogliamo schierarci né da una parte, né dall'altra, vogliamo solo essere quelli che reggono i due piatti della bilancia.

È verissimo e sacrosanto che in Ferrari ora ci vogliano fatti e poche parole - visto che ce ne sono state tante in questi anni di magri risultati - ma perché tutto questo silenzio? Proviamo a pensare a qualche motivazione sensata.

Questo silenzio può essere positivo: Mattiacci ha scelto (o gli è stato suggerito dai piani alti) di non sbilanciarsi e si sta interessando esclusivamente ad analizzare il team, cosa va e cosa non va, cosa c'è da riorganizzare. Insomma, testa china e dichiarazioni ufficiali solo a cose ponderate e fatte. Sarebbe una scelta dettata dal buonsenso e per nulla deprecabile - a patto che porti a miglioramenti e ai risultati buoni tanto auspicati in questi ultimi anni. Sarebbe il silenzio di chi sta lavorando e sta soppesando le parole. Le parole giuste al momento giusto sono molto più rassicuranti ed efficaci di un fiume di blaterare continuo e vano.

Questo silenzio può anche essere negativo: potrebbe essere il silenzio di chi non sa cosa dire. Non quello che aspetta il momento adeguato per dire le cose giuste. Ed è qui che si apre lo spiraglio per le malelingue: chi dice che è un chiaro sintomo di incompetenza, di inesperienza, perché Mattiacci non ha mai avuto esperienza nel motorsport. E via agli scenari più apocalittici per la Scuderia, incautamente in mano a un inesperto.

In F1 non c'è tempo da perdere, non c'è tempo per stare fermi. Non c'è tempo neanche di tenersi un motore nuovo e troppo silenzioso, che si corre subito a imbarazzanti ripari, mettendo una trombetta nello scarico delle monoposto. Per carità, non mettete un megafono in bocca a Mattiacci e lasciatelo lavorare in silenzio. Quando ha voglia e quando se lo sentirà, parlerà.



Condividi