Hamilton sceglie Alonso come suo vero rivale

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Lewis Hamilton ha indicato Fernando Alonso come uomo da battere, invece che il suo ex compagno Jenson Button. Il campione 2008, dopo aver lasciato la Mclaren per la Mercedes, ha subìto le critiche di chi ha giudicato il cambio di tuta come una mera questione economica. Nonostante il passaggio, Lewis non sente il peso di dover far meglio di Jenson ma rimane concentrato direttamente su Fernando.

“La rivalità tra me e Fernando mi eccita di più. E’ l’uomo che voglio battere perchè è il miglior pilota in circolazione. Voglio anche battere Sebastian (Vettel), ma Fernando per me è il migliore. Ha anche tanta esperienza, e tutti vogliono batterlo”.

Alonso e Lewis hanno scatenato, nel 2007 in Mclaren , una delle più aspre lotte interne negli ultimi anni, culminata con la decisione di Fernando di lasciare il team dopo un solo anno per fare ritorno in Renault, nel 2008. I tifosi di Fernando non hanno dimenticato quella stagione e ancora adesso (come visto sotto il podio di Monza nel 2012) accolgono freddamente Hamilton, anche con fischi e insulti. Questo sebbene il rapporto tra i due sia tornato sui binari.

“Sono odiato e contemporaneamente amato. Quando sono arrivato in Formula 1, non davo peso a quello che dicevo. A volte dicevo una cosa e ne intendevo un’altra, e non venivo compreso dalla gente. E la gente non dimentica. In Spagna non sono ben visto indipendentemente da quello che dico su Fernando o da quello che lui dice su di me. E’ come essere ‘marchiati’. Tutto quello che posso fare è cercare di recuperare un rapporto sano con i suoi tifosi, ma so che ci vuole tempo”, ha concluso Hamilton parlando con il Daily Mail.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Hamilton sceglie Alonso come suo vero rivale 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE