Gran Premio del Brasile 2014: Nico Rosberg trionfa su Hamilton e Massa

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Nico Rosberg ha vinto il Gran Premio del Brasile 2014 davanti a Lewis Hamilton e Felipe Massa. Il campionato del mondo si deciderà ad Abu Dhabi, con Hamilton davanti di 17 punti sul compagno. Ottimo Jenson Button quarto con la Mclaren.

Il meteo, come al solito, gioca brutti scherzi. Doveva piovere ma le nuvole sono lontane e il Gran Premio del Brasile del 2014 inizia con un sole estivo.

Adrian Sutil parte dalla Pitlane per un problema tecnico sulla sua Sauber.

Partenza regolare con i primi cinque che mantengono le posizioni. Magnussen si porta in sesta posizione dietro Button, Alonso è settimo davanti a Vettel che ha perso due posizioni e Raikkonen è sceso in undicesima.

Al 5° giro rosberg ha 1-2 di vantaggio su Hamilton, 3.2 su Felipe Massa. Al sesto giro Felipe Massa entra al sesto giro per cambiare subito le gomme e passare sulle medie, scartando le morbide, già in difficoltà. Al giro successivo sono Button, Bottas, e Vettel a cambiare. E’ all’ottavo giro la sosta di Rosberg, Magnussen, Alonso e Ricciardo.

Felipe Massa viene colpito da 5 secondi di stop and go per aver superato il limite di velocità ai box. Hamilton cambia al nono giro e rientra appena dietro il compagno Rosberg.

Tra i pochi a non fermarsi ci sono Hulkenberg e Kvyat che occupano le prime due posizioni, con Grosjean quinto e Sutil nono. Tutti e quattro sono partiti con gomme medie.

Kvyat viene superato al 12° giro da Rosberg e Hamilton. Nico passa anche Hulkenberg al 14° giro e si riporta in prima posizione. Il turno di Hamilton arriva due giri dopo. Le Ferrari nel frattempo sono undecesima con Alonso e quattordicesima con Raikkonen. In mezzo a loro, le due Red Bull di Vettel e Ricciardo.

Al 20° giro Rosberg comanda con 2.4 su Hamilton e 7.4 su Massa, che dovrà però pagare 5 secondi alla successiva sosta ai box. Bottas quarto, Grosjean quinto senza ancora soste, Magnussen settimo. Alonso ottavo seguito da Vettel, Ricciardo e Raikkonen.

Al 25° giro Vettel si ferma per la sua seconda sosta. Felipe si ferma un giro dopo. Per 5 secondi i meccanici non toccano la Williams prima di effettuare il pit. Hamilton nel frattempo ha recuperato un secondo su Rosberg, che ha grossi problemi all’anteriore destra, più degli altri. Nico rientra al 27° giro insieme a Bottas che ha però problemi e perde secondi preziosi nel pit.

Hamilton si gira al 28° giro nel tentativo di recuperare la posizione su Rosberg. Perde sei secondi in un solo settore e si ferma al giro successivo per cambiare gomme.

Il limite di velocità ai box colpisce anche Sergio Perez. Cinque secondi anche per lui. Al 30° giro Rosberg è primo con 7.4 di vantaggio su Hamilton, 10 su Raikkonen che si deve ancora fermare così come Hulkenberg quarto. Massa è quinto a 19 secondi.

Al 36° giro Rosberg comanda con 5.1 su Hamilton, 18 su Hulkenberg, 19 su Massa. Kimi si ferma ai box ma la F14T scende dal cavalletto e ci vogliono altri 5 secondi per completare la sosta.

Colpo di scena al 40° giro. Ricciardo comunica un problema al freno anteriore sinistro. Rallenta e si ritira dal Gran Premio. Hamilton intanto continua a guadagnare su Rosberg, al 42° giro è a 3.1 dal compagno.

43° giro: ancora problemi per Bottas, che perde la posizione da Hulkenberg e Raikkonen in pochi metri e altri secondi preziosi alla successiva sosta ai box.

Al 47° giro Rosberg vede il suo vantaggio calare a 2.5 su Hamilton. Massa è terzo a 19.8, Alonso è sesto dopo aver passato Magnussen.

Jenson Button intanto è autore di una gara splendida. E’ infatti quarto, anche se a 32 secondi da Rosberg, al 50° giro. Rosberg rientra ai box all’inizio del 51° giro, seguito da Massa (che sbaglia piazzola e tenta di entrare in quella Mclaren) e Button. Un giro dopo tocca a Hamilton, che esce vicinissimo al compagno Rosberg. Alonso rientra al 53° giro per la sua ultima sosta.

Rosberg e Hamilton vicinissimi. Sei decimi tra loro. Felipe è a 29 secondi. Le due Mercedes si avvicinano a Vergne, Maldonado e Bottas, da doppiare di fronte a loro. Nessun problema con i doppiaggi però. I tre si spostano senza ostacolare i Nico e Lewis.

Bella la sfida tra Raikkonen, Button e il sopraggiunto Sebastian Vettel per la quarta posizione. Kimi tenta di andare fino in fondo con una sosta in meno.
Hamilton intanto soffia sul collo di Rosberg ormai da 20 giri.

Al 65° giro Rosberg tiene a bada Lewis con Massa terzo a mezzo minuto. Button è quarto. Maldonado nel frattempo si ferma. Entusiasmante la lotta tra Alonso e Raikkonen per la sesta posizione, con Alonso che la spunta dopo 4 giri contro un Kimi con una sosta in meno e 17 giri in più sulle gomme.

A 2 giri dalla fine Hamilton è ancora sotto il secondo da Rosberg ma non riesce ad avvicinarsi abbastanza per tentare il sorpasso. Massa rimane terzo a 38 secondi dalla vetta.

Finisce così con Rosberg che vince su Hamilton e Massa. Button fantastico quarto, seguito da Sebastian Vettel, Fernando Alonso, Kimi Raikkonen. Chiudono la top ten Hukenberg, Magnussen e Bottas.

Il risultato di gara:

PosNoDriverTeamLapsTime/RetiredGridPts
16Nico RosbergMercedes71Winner125
244Lewis HamiltonMercedes71+1.4 secs218
319Felipe MassaWilliams-Mercedes71+41.0 secs315
422Jenson ButtonMcLaren-Mercedes71+48.6 secs512
51Sebastian VettelRed Bull Racing-Renault71+51.4 secs610
614Fernando AlonsoFerrari71+61.9 secs88
77Kimi RäikkönenFerrari71+63.7 secs106
827Nico HulkenbergForce India-Mercedes71+63.9 secs124
920Kevin MagnussenMcLaren-Mercedes71+70.0 secs72
1077Valtteri BottasWilliams-Mercedes70+1 Lap41
1126Daniil KvyatSTR-Renault70+1 Lap17
1213Pastor MaldonadoLotus-Renault70+1 Lap16
1325Jean-Eric VergneSTR-Renault70+1 Lap15
1421Esteban GutierrezSauber-Ferrari70+1 Lap11
1511Sergio PerezForce India-Mercedes70+1 Lap18
1699Adrian SutilSauber-Ferrari70+1 Lap13
178Romain GrosjeanLotus-Renault63+8 Laps14
Ret3Daniel RicciardoRed Bull Racing-Renault39Suspension9

P300 MAGAZINE

Gran Premio del Brasile 2014: Nico Rosberg trionfa su Hamilton e Massa

Continua a seguirci

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Gran Premio del Brasile 2014: Nico Rosberg trionfa su Hamilton e Massa

Continua a seguirci