GP2 Sakhir: la seconda è di Palmer

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Una sprint race molto appassionante ha consegnato il successo nelle mani di Jolyon Palmer, che dopo la pole position di venerdì non era andato oltre un terzo posto nella gara lunga di ieri. Sfortunato invece colui che aveva vinto all’esordio nella categoria, Stoffel Vandoorne, che è rimasto invischiato nella bagarre iniziale vedendo la sua gara decisamente compromessa. Sul podio del Bahrain sono saliti anche lo svizzero Simon Trummer, che gareggia per l’italiana Rapax, e il colombiano Julián Leal, già secondo ieri.

In pole scatta Felipe Nasr, deludente ottavo nella feature race, ma alla prima curva in testa si presenta proprio Trummer, che scattava secondo. Il brasiliano fa pattinare le ruote posteriori della sua Dallara e perde quattro posizioni. Alle spalle di Trummer si issa sin da subito Palmer, davanti a Leal e a Quaife-Hobbs, anch’egli partito benissimo dalla quinta fila. All’ultima curva della prima tornata, l’inglese della DAMS passa in testa.  Doppio ko invece per la Racing Engineering, con Coletti e Marciello rimasti entrambi fermi sulla griglia allo spegnersi dei semafori rossi.

Nelle posizioni di rincalzo troviamo Vandoorne che parte male e si trova a combattere con il compagno di squadra Izawa, partito pure peggio dalla seconda fila. All’inizio del secondo passaggio, un attacco troppo arrembante di de Jong rompe l’ala anteriore del belga vice-campione in carica della Formula Renault 3.5, costringendolo a rientrare ai box. La stessa sorte tocca anche allo sfortunatissimo Alexander Rossi, vittima di una foratura.

Le prime quattro posizioni restano invariate, con Nasr che si deve difendere dal triplice assalto di Pic, Richelmi e Binder. L’austriaco della Arden viene ben presto raggiunto dal rimontante Mitch Evans, che nel corso del sesto giro riesce ad avere la meglio e a conquistare l’ottava posizione.

Le sportellate non si risparmiano anche nelle posizioni più arretrate: battaglie molto serrate si hanno per l’undicesima posizione, con Daly, Haryanto, Markelov e Izawa e per la quindicesima con Abt, Berthon, Cecotto e Lancaster. In quest’ultima circostanza, anche Marciello, doppiato, si ritrova immischiato nella bagarre ostacolando involontariamente Cecotto, costretto ad un’escursione fuori pista durante il dodicesimo giro.

Palmer prosegue al comando con tempi sul giro identici a quelli dei due inseguitori, mentre Daly si ferma al quindicesimo passaggio per un problema tecnico dovuto ad un detrito colpito sul rettilineo del traguardo.

Al diciottesimo giro, Nasr raggiunge Quaife-Hobbs in visibile crisi di gomme. L’inglese tuttavia risulta essere molto più veloce nei lunghi rettilinei, rendendo difficile il sorpasso al brasiliano. Il “tappo” creato dal pilota Rapax permette inoltre la rimonta di Pic, Richelmi, Evans e Binder. Dopo un acceso scambio di posizioni, durante il ventesimo passaggio Nasr conquista la quarta posizione con un attacco all’esterno della curva 4. Evans tenta il sorpasso su Richelmi, che però a sua volta scavalca Pic dopo un contatto con il francese della Campos. Nell’ultimo giro, anche Evans supera Pic, anch’egli con problemi agli pneumatici, mentre Richelmi riesce a scalzare anche Quaife-Hobbs dalla quinta posizione.

Sotto la bandiera a scacchi, primo è Jolyon Palmer (quarto successo in GP2 per lui), davanti a Trummer e Leal. Quarto Nasr, quinto Richelmi, sesto Quaife-Hobbs, poi Evans e Binder che infila Pic nelle ultimissime battute. A chiudere la top ten è il debuttante russo Markelov, che sembra avere preso molta più confidenza con la vettura rispetto alle sessioni di prove. Un’investigazione è tuttora in corso per quanto riguarda il sorpasso di Richelmi su Pic, e una possibile sanzione potrebbe danneggiare il monegasco della DAMS.

In attesa di eventuali provvedimenti, Palmer comanda la classifica con 38 punti contro i 28 di Leal e i 25 di Vandoorne (22° al traguardo). Tra le squadre, 44 punti per la DAMS, quattro in più della Carlin e undici in più della ART Grand Prix.

Prossimo appuntamento, nel weekend dell’11 maggio, con il GP di Spagna a Barcellona.

Classifica:

PosN.PilotaTeamTempo
17Jolyon PalmerDAMS41:02.484
215Simon TrummerRapax Team0.809
34Julián LealCarlin Motorsport1.430
43Felipe NasrCarlin Motorsport8.719
58Stéphane RichelmiDAMS16.416
614Adrian Quaife-HobbsRapax Team17.680
71Mitch EvansRussian Time18.012
816René BinderArden International19.791
926Arthur PicCampos Racing19.977
102Artem MarkelovRussian Time20.678
1120Daniël de JongMP Motorsport21.086
129Takuya IzawaART Grand Prix21.713
1311Daniel AbtHilmer Motorsport29.171
1423Johnny Cecotto Jr.Trident Racing33.500
1521Jon LancasterMP Motorsport34.017
1618Rio HaryantoEQ8 Caterham Racing35.778
1724Nathanaël BerthonVenezuela GP Lazarus38.028
1817André NegrãoArden International38.524
1927Kimiya SatoCampos Racing39.439
2012Facundo RegaliaHilmer Motorsport44.065
2122Axcil JefferiesTrident Racing48.583
2210Stoffel VandoorneART Grand Prix49.324
236Stefano ColettiRacing Engineering1:20.944
245Raffaele MarcielloRacing Engineering1 giro
2519Alexander RossiEQ8 Caterham Racing1 giro
Ret25Conor DalyVenezuela GP Lazarus7 giri

P300 MAGAZINE

GP2 Sakhir: la seconda è di Palmer

Continua a seguirci

Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

GP2 Sakhir: la seconda è di Palmer

Continua a seguirci