GP2 Monza: Leimer capovolge la situazione vincendo Gara 1

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il campionato di GP2 2013 sembra proprio non voler trovare un padrone definitivo. Il periodo nero di Stefano Coletti sembra destinato a durare in eterno, ma ad approfittarne non è il suo primo inseguitore, Felipe Nasr, bensì Fabio Leimer, il pilota svizzero della Racing Engineering.

Il driver di Rothrist è stato abile a sfruttare un’indecisione in partenza del poleman, Sam Bird, per conquistare la testa della corsa sin da subito. Nella pancia del gruppo, diversi contatti mettono fuori gioco Berthon e costringono Clos e Abt ad una sosta ai box. All’inizio del secondo passaggio, incidente tra Evans e Trummer, che vede l’elvetico della Rapax avere la peggio.

Coletti, in rimonta, supera Rosenzweig alla staccata della prima variante nel corso del terzo giro, con lo statunitense che si dovrà poi fermare per un contatto con Tom Dillmann durante la tornata successiva.

Il monegasco, leader della classifica, anticipa la sua sosta obbligatoria al settimo giro, ma commette un errore inserendo il limitatore troppo tardi: il drive through è assicurato, e Coletti è dunque costretto a rientrare nuovamente due passaggi più tardi.

Intanto, cambi gomme anche per Ericsson e Palmer, che si stanno giocando il terzo posto: lo svedese rimane davanti al britannico, che sarà presto costretto al ritiro per la perdita della ruota posteriore sinistra, fissata in maniera approssimativa dal suo meccanico. L’episodio gli costerà probabilmente molto caro, dato che il figlio d’arte è sotto indagine per “unsafe release” e rischia di partire dal fondo dello schieramento domani. Dura poco, in ogni caso, anche la gioia del pilota della DAMS, che al diciassettesimo giro dice addio alla possibilità di ottenere il quarto podio stagionale.

Sosta anche per il leader della corsa, Leimer, fortunato successivamente a non trovare traffico all’uscita dalla corsia box. Nel frattempo, Bird spinge a fondo stampando giri veloci a ripetizione, ma non basta, perché dopo il suo cambio gomme (diciannovesimo giro) lo svizzero si ritrova nuovamente al comando della corsa.

Mentre Bird effettua la sua sosta, ecco un altro colpo di scena: Nasr lamenta problemi al cambio, e si ferma in una nuvola di fumo nella via di fuga della prima variante.

Durante il ventiquattresimo giro si chiude anche la giornata nera di Coletti, che rientra ai box e si ferma, andando a segnare il sesto “zero” consecutivo.

Al terzo posto, dopo i ritiri di Palmer ed Ericsson, si issa Dillmann, anch’egli molto a suo agio sulla velocissima pista brianzola. Dillmann stabilisce il giro veloce, ma successivamente sarà Bird, impegnato nell’inseguimento a Leimer, a portare a casa i due punti aggiuntivi della tornata più rapida.

Proprio quando l’inseguimento sembra essere destinato a compiersi, Bird inizia a perdere colpi e Leimer vede più vicino il successo. A conti fatti, l’inglese della Russian Time non riesce nemmeno ad abbozzare un attacco all’avversario, che conquista la terza vittoria stagionale, dopo le feature races della Malesia e del Bahrain. Podio completato dai due alfieri del neonato team russo, Bird e Dillmann, seguiti da Richelmi, Leal, Calado, Quaife-Hobbs, Rossi, Canamasas e Ghirelli, che ottiene un prezioso punticino per l’Italia.

I risultati sono ancora sub-judice, perché i commissari si sono riservati di indagare sui ripetuti contatti tra Canamasas e Cecotto dopo la conclusione della gara, quindi le classifiche sono soggette a modifiche.

In classifica, Leimer riconquista la prima posizione con 153 punti, Bird segue a 145, poi Coletti e Nasr fermi rispettivamente a 135 e 130. Calado sale a 119, mantenendo la quinta piazza ma vedendo le sue speranze di titolo molto ridotte.

Domani, il via della sprint race è previsto per le 10:35.

I risultati:

PosNoDriverTeamLapsTime/Gap
18Fabio LeimerRacing Engineering3047:48.311
211Sam BirdRussian Time300.806
312Tom DillmannRussian Time306.137
42Stéphane RichelmiDAMS309.902
57Julián LealRacing Engineering3015.400
63James CaladoART Grand Prix3018.748
722Adrian Quaife-HobbsHilmer Motorsport3024.007
815Alexander RossiEQ8 Caterham Racing3030.276
914Sergio CanamasasEQ8 Caterham Racing3040.272
1025Vittorio GhirelliVenezuela GP Lazarus3044.906
1127Daniël de JongMP Motorsport3046.540
125Johnny Cecotto Jr.Arden International3047.382
1323Jon LancasterHilmer Motorsport3047.635
1417Rio HaryantoBarwa Addax Team3048.003
1521Sergio CampanaTrident Racing3050.194
1624René BinderVenezuela GP Lazarus301:02.186
174Daniel AbtART Grand Prix291 giro
1826Daniel ClosMP Motorsport291 giro
Ret18Stefano ColettiRapax Team24
Ret9Felipe NasrCarlin Motorsport18
Ret1Marcus EricssonDAMS16
Ret10Jolyon PalmerCarlin Motorsport11
Ret16Jake RosenzweigBarwa Addax Team4
Ret19Simon TrummerRapax Team1
Ret6Mitch EvansArden International1
Ret20Nathanaël BerthonTrident Racing0

fonte: gp2series.com

 

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Articolo precedenteGP3, Monza: Kvyat in pole
Articolo successivoQuando i nervi saltano
Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci