Gp Spagna: considerazioni sparse post qualifiche

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Qualche riflessione sparsa dopo le qualifiche di Barcellona. Qui si dovevano o dovrebbero vedere i veri valori in campo, ma a quanto pare non è cambiato nulla.

– Chi pensava ad uno stravolgimento dei valori in questo 2014 è stato accontentato per metà. Al vertice è cambiato il nome ma il Mondiale è già indirizzato.

– La Mercedes è inaffrontabile. Hamilton e Rosberg parlano di qualche problemino di assetto ma hanno un margine di almeno un secondo su chiunque, quindi potrebbe evitare di lamentarsi..

– A Vettel sembra che a turno, ogni GP, tolgano un pezzo sulla macchina. Dal’inizio dell’anno avrà avuto un weekend o due buoni. Praticamente Ricciardo sembra Vettel e Vettel sembra Webber.

– Senza telai rotti, tamponamenti, varie ed eventuali, Kimi torna al livello che gli compete, che non è esattamente quello raccontato in queste settimane dei tuttologi.

– La Ferrari, se possibile, pare ancora peggio di prima. Quando il presidente si presenta in pista, casualmente spesso lo cose vanno male. Alonso rischia di uscire in Q2. Dev’esserci aria pesante.

– (a margine) lo stesso Presidente continua a parlare di Schumi, dei ricordi, dei trionfi etc etc. Però l’adesivo di incoraggiamento sulla macchina ce l’ha la Mercedes.

– La tattica in Lotus è chiara. Maldonado si occupa della telaistica, divisione crash test, Grosjean fa andare la macchina e pure tanto. Il suo arrivo in Q3 avrà reso ricco qualche scommettitore.

– Massa è meglio che si dia una svegliata. Inutile che guardi i tempi per capire dove ha preso un’eternità da Bottas. Inutile reclamare il ruolo di prima guida e prendere legnate simili.

– A Rosberg iniziano a girare paurosamente. Primo in FP3, primo in Q1, primo in Q2, e poi in Q3 prende lo schiaffone. Aria di sclero e di ‘primo’ in classifica che domani potrebbe saltare.

– Ricordatevi che stasera c’è la Indy ad Indianapolis (stradale e non ovale). Magari ci si diverte un po’ prima di domani.

Buona continuazione.0104-alonso-pillole

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Gp Spagna: considerazioni sparse post qualifiche 1
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE