GP del Bahrain: la conferenza stampa dei piloti

GP del Bahrain: la conferenza stampa dei piloti

di 03 Aprile 2014, 20:15

Riportiamo le dichiarazioni più interessanti della conferenza dei piloti del giovedì. I piloti presenti erano: Jules Bianchi (Marussia), Jean-Eric Vergne (Toro Rosso), Marcus Ericsson (Caterham), Nico Hulkenberg (Force India), Jenson Button (McLaren), Romain Grosjean (Lotus).

Jenson, partiamo da te. Raggiungerai quota 250 Gran Premi questo weekend - congratulazioni! In questa stagione, credo diventerai il terzo pilota di F1 più esperto di tutti i tempi. Ci puoi dire qualcosa su ciò che hai imparato in questi anni?

Jenson Button: "Come puoi immaginare, ho imparato molto in questi 14 anni in F1. Ciò che mi sorprende è quanto scorra in fretta. 50 gare fa ero in Ungheria a festeggiare i miei primi 200 Gran Premi, e avevo pure vinto quella gara! È fantastico come voli il tempo. Bisogna godersi ogni momento per davvero. Per me, dopo 14 anni nello sport, mi sento ancora di avere molto da imparare. Questo è bellissimo ed entusiasmante. I nuovi regolamenti stanno cambiando lo sport parecchio, però hai sempre qualcosa in più da imparare. È ciò che rende lo sport entusiasmante ed è ciò che mi ha tenuto qua per 14 anni e speriamo per molti altri ancora".

Marcus, ci chiedevamo se essere un debuttante quest'anno, con tutte queste nuove regole e monoposto più complicate, fosse più difficile o più facile di quanto ti aspettassi?

Marcus Ericsson: "È piuttosto difficile, perché, specialmente nei test invernali, abbiamo avuto molti problemi. È stato difficile essere pronti per l'Australia, dopo aver fatto pochi chilometri. Non direi comunque che sia più facile, ma va bene così".

Nico, c'è ottimismo nel team, per questo weekend di gara?

Nico Hulkenberg: "Assolutamente sì. Tutta la squadra è molto ottimista, tutti stanno lavorando nella direzione giusta. Veniamo da due gare buone, dove abbiamo cercato un buon risultato. Penso che qui, questo weekend, sia più impegnativo. In Malesia, abbiamo avuto una buona performance domenica, più forte di quanto ci aspettassimo, avevamo messo a distanza McLaren e Williams, il che è stata una sorpresa. Ma le cose potrebbero essere più impegnative".

Jean-Eric, ci puoi parlare dei cambiamenti che hai fatto, come correrai quest'anno?

Jean-Eric Vergne: "Ho cambiato parecchie cose, direi. Non andrò troppo nel dettaglio, ma avevo bisogno di cambiare il mio approccio e credo che i miei cambiamenti siano per il meglio e nella direzione giusta. Mi sento meglio come persona e come pilota, e mi diverto di più in quello che faccio; lo vedo già dentro il team, dentro e fuori dal tracciato. Ho ancora molto da dare, penso, però per ora è tutto molto positivo".

Romain, senti che il team è di nuovo sulla strada buona, quella dov'era lo scorso anno? Quanto ci metterete a recuperare?

Romain Grosjean: "Non lo so, a essere onesto. Sappiamo di avere ancora lo spirito vincente e possiamo lottare. Certamente, quando inizi la stagione con tutto nella direzione giusta, è più facile andare avanti, ma al momento, abbiamo avuto dei problemi, ne abbiamo risolti la maggior parte, speriamo non se ne ripresentino altri. La Renault sa bene che la Power Unit ha bisogno di migliorare rispetto ai concorrenti, ma andrà tutto bene e lavoreremo sulla nostra monoposto".



Condividi