Furto di cimeli di Ayrton Senna, diversi oggetti non ancora ritrovati

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Ad Isola d’Asti rubati cimeli del brasiliano utilizzati in diverse mostre organizzate dall’Instituto Ayrton Senna


Nei giorni passati sono stati sottratti dal luogo in cui erano custoditi, ad Isola d’Asti, numerosi cimeli appartenuti ad Ayrton Senna ed esposti negli ultimi 16 anni in Italia e in Europa dall’Instituto Ayrton Senna per ricordare il campione brasiliano e raccogliere fondi a scopo benefico per l’Instituto stesso.

Questa mattina (23 luglio) i carabinieri di Castagnole delle Lanze, a cui va il più profondo ringraziamento dell’Instituto Senna per lo splendido lavoro che stanno svolgendo, hanno annunciato di aver arrestato gli autori del furto e di aver recuperato parte della refurtiva.

Di comune accordo con gli stessi diffondiamo l’elenco delle memorabilia ancora da rinvenire, con la preghiera di darne massima diffusione possibile nel caso in cui qualcuno si imbattesse in qualcuno di questi oggetti su siti web di aste. Le indagini dei Carabinieri sono naturalmente tuttora in corso al
fine di rinvenirli.

Di seguito l’elenco degli oggetti mancanti:

  • Tuta di colore nero e giallo JPS
  • Tuta di colore giallo Lotus
  • Tuta rossa McLaren
  • 3 Balaclava (sottocaschi) bianchi autografati Ayrton Senna
  • 1 Pantalone rosso indossato da Ayrton prima di partire dal Brasile per Imola 1994
  • 1 giacca JPS nera autografata Ayrton Senna
  • 1 t-shirt bianca con stampa McLaren autografata Ayrton Senna
  • 1 felpa gialla Camel autografata Ayrton Senna
  • 1 t-shirt gialla Monza ’87 autografata Ayrton Senna
  • 1 t-shirt nera stampa Grand Prix del Monaco autografata Ayrton Senna
  • 1 t-shirt Honda blu autografata Ayrton Senna
  • 1 camicia a maniche corte bianca con riga blu-oro-rossa autografata Ayrton Senna
  • 1 t-shirt polo bianca Camel autografata Ayrton Senna
  • 1 t-shirt colore blu Williams autografata Ayrton Senna
  • 1 maglia Sergio Tacchini autografata Jean Alesi
  • 1 giacca JPS colore nero autografata Ayrton Senna
  • 1 camicia colore nero autografata Ayrton Senna
  • 1 giacca gialla Camel autografata Ayrton Senna
  • 1 t-shirt nera Australian Formula Uno Grand Prix autografata Ayrton Senna
  • 1 giacca a vento rossa autografata Ayrton Senna
  • 1 giacca colore bianco e blu Williams autografata Ayrton Senna
  • 3 volanti di Formula 1 autografati Ayrton Senna di cui 1 marca Personal, 1 marca Momo (Team Lotus) e 1 Team McLaren
  • 1 quadro con bandiera Brasile autografata Ayrton Senna
  • 5 paia di guanti autografati Ayrton Senna: 2 rossi, 1 blu, 1 nero, 1 arancione
  • 43 modellini di auto Senna scala 1:43 + 2 modellini di camion scala 1:43 Williams e McLaren + 2 miniature di caschi scala 1:2 di Ayrton Senna: uno Bercy e uno JPS Lotus ’86
  • 2 visiere: 1 Honda e 1 Renault
  • 15 modellini di caschi Ayrton Senna scala 1:8
  • 20 modellini auto Formula 1 Senna scala 1:18 + casco da bici Senna
  • 1 bandiera Camel gialla autografata Ayrton Senna
  • 1 maglia bianca autografata Ayrton Senna
  • 1 paio di guanti neri autografati Senna-Schumacher
  • 1 modellino auto McLaren 1991 scala 1:12
  • Altri modellini
  • Magliette, repliche cappellini, videocassette

Le foto degli oggetti sono reperibili alla pagina Facebook
https://www.facebook.com/ForeverAyrtonSenna.

Per segnalazioni è possibile fare riferimento direttamente all’Arma dei Carabinieri o ai contatti sotto riportati dell’Instituto Ayrton Senna.

UFFICIO STAMPA PER L’ITALIA INSTITUTO AYRTON SENNA
Marco Notari Giovannone – marco@libellulapress.it – 3472102335

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Furto di cimeli di Ayrton Senna, diversi oggetti non ancora ritrovati 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE