Formula Regional | Red Bull Ring 2022: Kas Haverkort vince una pazza Gara 1!

Daniele Botticelli - 10 Settembre 2022 - 15:40

Il pilota olandese torna a vincere in Formula Regional partendo dalla 14° posizione in una gara caratterizzata dal maltempo. Doppietta Van Amersfoort con Dufek, secondo davanti a Chovet. Beganovic 4°, Minì 7°, Aron out.


La Gara 1 della Formula Regional European Championship by Alpine al Red Bull Ring è stata piena di colpi di scena e incerta fino alla fine, con Kas Haverkort capace di pescare il jolly e di ottenere la sua seconda vittoria stagionale nonostante partisse dalla 14° posizione sulla griglia di partenza, riuscendo a costruire un’incredibile rimonta approfittando anche delle numerose circostanze avvenute durante la gara.

Gara che è partita dietro la Safety Car per via delle precarie condizioni della pista, presentatasi completamente allagata dopo un’acquazzone abbattutosi sul circuito austriaco proprio dopo le Qualifiche 1 della Formula Regional. Nei primi giri trascorsi dietro la vettura di sicurezza le condizioni di visibilità dei piloti sono state piuttosto precarie: ne fanno le spese Gillian Henrion e Tereza Babickova, che traditi dall’enorme nuvola d’acqua creata dalle vetture davanti a loro vengono coinvolti in un incidente che pone fine alla propria gara, invogliando i commissari ad esporre la bandiera rossa e interrompere la gara.

Durante la lunga interruzione la pista continua ad asciugarsi, con il sole presente sin dalla prima partenza, e una volta ripartiti diversi piloti optano per rientrare ai box per passare dalle gomme da bagnato a quelle d’asciutto; tra questi c’è anche Paul Aron, ai box al termine del settimo giro per tentare l’azzardo delle coperture slick.

La gara continua e vede moltissimi sorpassi anche nelle prime posizione, con Pierre-Louis Chovet che al nono giro supera Eduardo Barrichello per portarsi in testa alla gara. Nel frattempo Haverkort inizia la propria rimonta portandosi fino al quarto posto; al 10° giro, nel raggio di due curve, il pilota olandese supera Dino Beganovic e Barrichello per portarsi in seconda posizione, interpretando al meglio le condizioni umide della pista.

Il colpo di scena arriva al 12° giro, quando Paul Aron arriva a contatto con Sebastian Montoya nel rettilineo che porta alla curva 3, stringendo la propria traiettoria verso il suo compagno di squadra nel tentativo si sorpassarlo, prendendo un rischio non necessario che ha posto fine alla sua gara, terminata nella ghiaia finendo in testacoda dopo il contatto provocando l’ingresso in pista della Safety Car.

La gara riparte per gli ultimi due giri di gara, Haverkort ne approfitta subito e supera Chovet per la leadership della gara al penultimo giro in curva 3, andando poi ad involarsi in solitaria verso la propria seconda vittoria stagionale dopo quella ottenuta a Budapest, completando nel migliore dei modi un’incredibile rimonta iniziata dalla 14° posizione al via.

Non solo la vittoria di Haverkort, ma la Van Amersfoort Racing può festeggiare un’incredibile doppietta con il secondo posto di Joshua Dufek, autore anche lui di una gara molto attiva con diversi bei sorpassi tra cui quello all’ultimo giro ai danni di Chovet per quello che è il suo primo podio in carriera in Formula Regional. Pierre-Louis Chovet ha assaporato l’odore della vittoria fino all’intervento finale della Safety Car ma il terzo posto conquistato oggi rimane un risultato da incorniciare, ottenuto al ritorno su una monoposto dallo scorso febbraio che vale anche il primo storico podio nella storia della RPM, scuderia italiana che ha iniziato la propria attività solamente quest’anno.

Giù dal podio il leader del campionato Dino Beganovic, quarto al traguardo al termine di una gara piuttosto anonima in cui non ha voluto prendersi troppi rischi riuscendo anche a guadagnare dei punti utili ad incrementare il proprio vantaggio in classifica, considerando il ritiro di Aron e il settimo posto di Gabriele Minì, mai realmente tra i protagonisti della gara odierna. Tra i due pretendenti al titolo troviamo la coppia piloti della Arden formata da Eduardo Barrichello e Joshua Dürksen, al traguardo rispettivamente in quinta e sesta posizione con il pilota paraguayano che eguaglia il proprio miglior risultato stagionale ottenuto a Imola.

Ottavo posto per Laurens Van Hoepen davanti a Lorenzo Fluxá e Sebastian Montoya, 10° al traguardo riuscendo a proseguire dopo il contatto con Aron. Fuori dai punti Mari Boya in 11° posizione davanti a Sami Meguetounif, ottimo 12° dopo la penalità ricevuta dopo le qualifiche per la sostituzione del motore sulla propria vettura. Gara da dimenticare per gli altri piloti italiani presenti in griglia, con Francesco Braschi 19° al traguardo davanti a Leonardo Fornaroli, Nicola Marinangeli ha chiuso 24° mentre Pietro Armanni solamente 31°.

Dopo questa gara la classifica del campionato vede Dino Beganovic sempre più al comando con 232 punti contro i 185 di Minì, che ora paga un ritardo di 47 punti dal pilota svedese. Con il ritiro di oggi Aron rimane fermo a quota 176, mentre con questa vittoria Haverkort si issa al quarto posto con 153 punti.

Classifica Gara 1:

Formula Regional

Immagini: formularegionaleubyalpine.com