Formula E | Valencia ePrix 2021, Müller (Dragon): “Alla ripartenza non credevo ai miei occhi”

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni di Nico Müller, secondo classificato nel primo ePrix di Valencia

Nico Müller ha conquistato il suo primo podio in carriera in Formula E in occasione del primo ePrix di Valencia, ereditando la seconda posizione al termine del caos verificatosi nell’ultimo giro.

Il pilota svizzero ha vissuto la prima parte di gara in fondo al gruppo dovendo scontare anche un Drive Through dovuto ad un overpower usage durante la partenza dietro la Safety Car, ma la neutralizzazione con ritorno in pista della Safety Car generata dall’incidente tra André Lotterer e Sébastien Buemi gli ha permesso di ricongiungersi subito col gruppo una volta scontata la penalità. Una volta ripartita la gara, lo svizzero della Dragon ha stabilmente occupato le posizioni di rincalzo, anche grazie a due escursioni sulla ghiaia.

La ripartenza dopo l’ultima Safety Car è decisiva per l’esito della gara, con Müller che rimane tra i pochi piloti con sufficiente energia per non rimanere a secco durante l’ultimo giro: all’ultimo restart Müller si trova in 15° posizione, inizia l’ultimo giro 9° e taglia il traguardo al quarto posto, salendo poi in seconda posizione dopo le squalifiche di Oliver Rowland e Alexander Sims per overuse energy oltre il limite consentito in gara.

Queste le sue parole al termine della gara: “Ero in fondo alla griglia quando è iniziata la ripartenza e non potevo credere ai miei occhi. Ho cercato di rassicurarmi e ho controllato tutti i dati con i miei ingegneri. Ero più felice e più contento mentre continuavo a salire una posizione dopo l’altra. Non riuscivo a pensare a un modo migliore per premiare la squadra per il loro duro lavoro”.

Fonte: Courtesy of Formula E

Immagini: Formula E

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Daniele Botticelli
Daniele Botticelli
Classe 1997, laureato in Scienze della comunicazione e con una passione smisurata per il motorsport, il basket e la musica. Cresciuto sotto il mito di Valentino Rossi, Michael Schumacher, Alessandro Del Piero e Kobe Bryant. Poteva andare peggio no? Sono sempre alla ricerca di nuove leve, per raccontare le loro gesta e farvele conoscere ancor prima del loro arrivo sui grandi palcoscenici, questo perché ho sempre ammirato il nuovo che avanza

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci