Formula E | Rome ePrix 2021: beffa per di Grassi, Vergne vince gara-1

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il brasiliano è fermato da un problema all’assale posteriore, che elimina anche Vandoorne e de Vries


Una gara-1 ricca di azione per la Formula E a Roma. Sotto una leggera pioggia, Jean-Éric Vergne ha conquistato la vittoria lasciandosi definitivamente alle spalle il doppio zero dell’Arabia Saudita grazie all’improvviso stop di Lucas di Grassi.

Il brasiliano ha comandato la gara fino al 21° giro dei 24 completati, quando la sua Audi ha accusato un problema al semiasse posteriore rallentando vistosamente sul rettilineo di arrivo. Per evitare la vettura del campione 2017, Stoffel Vandoorne ha colpito un piccolo dosso posto al centro della carreggiata volando contro il muretto esterno e causando così la safety car che ha congelato le posizioni nelle battute finali.

L’incidente di Vandoorne è costato il ritiro anche all’altra Mercedes di Nyck de Vries, che si trovava alle spalle del compagno di squadra e non ha potuto fare nulla per evitarlo. Beffa per il team di Stoccarda e beffa, naturalmente, per di Grassi e Audi, autori di una gara eccezionale.

Vergne si è così ritrovato al comando appena un giro dopo aver perso la prima posizione, guidando dietro la nuova Mini safety car fino al traguardo. Sul podio insieme alla DS-Techeetah del francese sono salite le Jaguar di Sam Bird e Mitch Evans, entrambi autori di una spettacolare rimonta grazie anche all’ottima gestione delle Attack Mode.

Quarto ha concluso Robin Frijns, decisamente aiutato dalla carambola finale in una gara non gestita alla perfezione. L’olandese del team Virgin ha in gran parte subito l’iniziativa degli avversari ma è quantomeno riuscito a restare fuori dai guai.

Buon recupero ma senza particolari sussulti per Sébastien Buemi, che ha portato la Nissan in quinta piazza. Sfortunato il compagno di squadra Oliver Rowland, che mentre conduceva la gara è stato penalizzato con un drive through per eccesso di utilizzo della batteria probabilmente dovuto ad un wheelspin su uno dei tanti dossi del tracciato dell’Eur. Il britannico ha concluso solo 13°.

Da 20° a sesto René Rast, sull’unica Audi ufficiale superstite, mentre Pascal Wehrlein ha portato la migliore delle Porsche al settimo posto. Nel team di Weissach bisogna segnalare la disastrosa gara di André Lotterer, che già al secondo giro è finito contro le barriere della curva 7 nel maldestro tentativo di attaccare Vandoorne, che a sua volta ha dovuto allungare nella via di fuga. Il tedesco ha poi perso ulteriori posizioni durante la gara, terminando 16° per una penalità di cinque secondi.

Zona punti completata dalla Mahindra di Alexander Lynn, dalla Andretti-BMW di Maximilian Günther, partito 11° per una penalità in griglia rimediata in Arabia Saudita e nono al traguardo, e Nick Cassidy sulla seconda Virgin-Audi. Top 10 solo sfiorata per il team NIO, con Tom Blomqvist 11°.

Tra gli altri ritirati di giornata segnaliamo António Félix da Costa, fermato da una foratura al 20° giro, ed Edoardo Mortara, costretto allo stop dopo un incidente con Sérgio Sette Câmara. Dopo l’incidente nelle prove libere di stamani, Oliver Turvey non è riuscito a prendere il via.

Con il secondo posto odierno Bird si è portato in testa alla classifica generale a quota 43 punti, seguito da Frijns a 34, da de Vries fermo a 32 e da Evans con 31. Jaguar resta dunque al comando tra i team con 74 punti a fronte dei 40 di DS-Techeetah e dei 39 di Mercedes.

Domani si replica: alle ore 9:00 le qualifiche, alle 13:00 gara-2.

Classifica:

Immagine: Formula E

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Federico Benedusi
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci