Formula E | Max Günther vince anche il secondo round della Race at Home Challenge

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Max Günther continua la sua striscia di vittorie nelle gare virtuali della Formula E. Il pilota tedesco del team BMW i Andretti Motorsport ha conquistato il secondo round della Race at Home, corsa sul circuito fittizio chiamato Electric Dots.

Günther ha preceduto sul traguardo Robin Frijns (Envision Virgin Racing) e Nico Mueller (Geox Dragon).

La gara è partita con la pole position di Stoffel Vandoorne (Mercedes-Benz EQ). Il belga, però, ha perso subito la leadership a favore del tedesco dopo aver sbagliato l’ingresso nella prima chicane, scivolando progressivamente in quinta posizione dietro Wehrlein (Mahinda), Frijns (Envision Virgin Racing) e Mueller (Geox Dragon).

Günther si è issato così al comando mentre, alle sue spalle, si sono verificati diversi ritiri. Il primo a lasciare il gruppo è stato Felipe Massa (Venturi), seguito da Sam Bird (Envision Virgin Racing) ed Evans (Jaguar).

A cinque giri dal termine sui 15 previsti, Pascal Wehrlein ha completato il riaggancio su Günther. Nel tentare l’avvicinamento il pilota della Mahindra ha commesso un errore nella prima chicane, girandosi e permettendo al connazionale di involarsi solitario. Oltre a questo Wehrlein ha subito poi i sorpassi da parte di Frijns e Mueller, che hanno concluso sul podio virtuale.

La challenge race, che ha preceduto la Race at Home, è stata vinta da Peyo Peev davanti a Kevin Siggy e Lucas Mueller.

Segue l’evento intero.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Formula E | Max Günther vince anche il secondo round della Race at Home Challenge 1
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE