Formula E | Marrakesh ePrix 2020 – Anteprima

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Per il suo quarto appuntamento stagionale, la Formula E tornerà in Africa sul tracciato marocchino di Marrakech. Una corsa inizialmente non prevista in calendario, poi reinserita a seguito della defezione di Hong Kong arrivata all’inizio di ottobre.

Un appuntamento che, così come Città del Messico, sta diventando una tappa fissa del campionato elettrico. Le squadre hanno acquisito ormai molti dati riguardo questa pista, considerando anche la tradizione di disputare anche i test post-gara, e le gare di Marrakech sono spesso tra le più combattute e spettacolari del calendario.

La netta vittoria ottenuta in Messico ha rilanciato Mitch Evans e la Jaguar in testa alla classifica. Dopo la falsa partenza dell’Arabia Saudita, nelle due corse americane il neozelandese ha centrato altrettanti podi risalendo tutta la graduatoria fino a prendersi il comando, per la prima volta nella storia del team britannico. Non sarà una posizione facile a Marrakech, soprattutto in tema di qualifiche, ma in questo momento il team Jaguar pare in assoluta fiducia e coscienza della propria competitività.

In stato di forma è anche il team Techeetah-DS, al quale però manca ancora una vittoria. Reduce da due secondi posti, António Félix da Costa rientrerà tra i favoriti per il successo anche in Marocco così come Jean-Éric Vergne, che nei primi round della stagione ha decisamente subito il nuovo compagno di squadra e da questo appuntamento dovrà trovare il riscatto. Il bi-campione in carica è 12° in campionato e in questo round potrà beneficiare di un miglior gruppo di qualifica rispetto agli avversari diretti per il titolo.

In un gruppo ancora migliore, il terzo, rientrerà Sébastien Buemi che in Messico ha riportato sul podio la Nissan. Vincitore della prima edizione dell’ePrix marocchino, nel 2016, lo svizzero avrà un’altra importante occasione per rimediare ai tre zeri con cui ha iniziato questo campionato.

Molto veloce l’anno scorso in Marocco, BMW è reduce da una giornata piuttosto difficile in Messico, con Alexander Sims “salvato” solo da una grande rimonta e Maximilian Günther a secco di punti dopo la vittoria di Santiago. Entrambi i piloti del team Andretti avranno a disposizione un pacchetto decisamente competitivo per questa pista, come dimostrato un anno fa prima del disastro di squadra tra da Costa e lo stesso Sims.

In caccia di riscatto anche Stoffel Vandoorne, che in Messico ha cestinato una decina di punti importanti nelle ultime fasi di gara. Il doppio ritiro dell’ultimo appuntamento ha messo leggermente in secondo piano una Mercedes che aveva cominciato la stagione alla grande ma ora deve fare i conti con la grande competitività di questa serie.

A proposito di punti persi anche Sam Bird ha commesso un errore veniale nello scorso appuntamento, perdendo la possibilità di giocarsi un podio. I quattro motorizzati Audi sono usciti da Città del Messico a testa piuttosto bassa, con Lucas di Grassi penalizzato dall’ennesima qualifica sottotono e Daniel Abt reduce da un incidente piuttosto pericoloso che tuttavia non ha lasciato conseguenze. Chi potrà contare su una buona posizione in qualifica a Marrakech è Robin Frijns, scivolato 15° in classifica e sul podio un anno fa.

Inizio di stagione deludente per Mahindra, trionfatrice nelle ultime due edizioni in Marocco con Felix Rosenqvist e Jérôme d’Ambrosio e ora solo decima in classifica squadre. La doppia retrocessione in griglia dello scorso appuntamento, che ha vanificato l’ottima qualifica di Pascal Wehrlein, ha tolto un’altra occasione di rilancio al team indiano che punterà a raddrizzare definitivamente la sua stagione da questo weekend.

Nella giornata di domenica, come detto, si svolgerà una sessione di test riservata ai rookies. Rispetto alla lista pubblicata qualche giorno fa, Dragon Racing ha annunciato la presenza di Sérgio Sette Câmara in qualità di nuovo pilota di riserva e NIO ha affidato il suo secondo sedile ad Antonio Fuoco.

L’ePrix di Marrakech partirà ufficialmente nella giornata di venerdì, con la prima sessione di prove libere anticipata per non avere un turno “disturbato” dall’alba al sabato mattina. La programmazione televisiva prevede, tutto in diretta, le qualifiche su Eurosport 2 e la gara sia su Eurosport 1 che su Canale 20.

2020 Marrakesh ePrix – Circuit International Automobile Moulay El Hassan
Round 4/11
28-29 febbraio 2020

INFO CIRCUITO

Lunghezza del circuito: 2,971 km
Distanza di gara: 45 minuti + 1 giro
Numero di curve: 12
Senso di marcia: antiorario

RECORD

Giro gara: 1:20.296 – Lucas di Grassi – Abt Sportsline Racing – 2019
Giro prova: 1:17.489 – Sam Bird – Virgin Racing – 2019 (NB: record 1:17.262, Mitch Evans, Jaguar Racing, 2019, FP2)
Vittorie pilota: 1 – Sébastien Buemi, Felix Rosenqvist, Jérôme d’Ambrosio
Vittorie team: 2 – Mahindra Racing
Pole pilota: 1 – Felix Rosenqvist, Sébastien Buemi, Sam Bird
Pole team: 1 – Mahindra Racing, DAMS, Virgin Racing
Podi pilota: 3 – Sam Bird
Podi team: 4 – Virgin Racing

ALBO D’ORO

PROGRAMMA

Venerdì 28 febbraio
14:00-14:15 Shakedown
16:45-17:30 Prove libere 1

Sabato 29 febbraio
9:00-9:30 Prove libere 2
11:00-12:00 Qualifiche – Eurosport 2
15:00 Gara – Canale 20, Eurosport 1

Immagine copertina: Formula E

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Formula E | Marrakesh ePrix 2020 - Anteprima 4
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

ALTRI DALL'AUTORE