Formula E | Diriyah ePrix 2023 – Anteprima

Formula EAnteprimeTop
Tempo di lettura: 7 minuti
di Daniele Botticelli @DBDeiman
24 Gennaio 2023 - 14:30
Home  »  Formula EAnteprimeTop

La Formula E torna in azione in Arabia Saudita per il double header valevole per il secondo e terzo round della Season 9.

La Formula E torna in azione in questo fine settimana per il double header dell’ePrix di Diriyah, in programma il prossimo 27 e 28 gennaio al Riyadh Street Circuit e valevoli per il secondo e terzo round della Season 9, rimanendo le uniche gare del campionato che si disputano in notturna.

L’appuntamento in Arabia Saudita giunge ormai alla quinta edizione, e per la prima volta dal proprio ingresso nel calendario della Formula E questo appuntamento non sarà il round di apertura del campionato. Infatti, la Season 9 è iniziata due settimane fa con l’ePrix di Città del Messico che ha visto Jake Dennis dominare la prima gara dell’era Gen3, regalando all’Avalanche Andretti la vittoria alla prima gara della nuova partnership tecnica con la Porsche, che a sua volta vede Pascal Wehrlein conquistare il podio in seconda posizione.

Il podio della gara inaugurale della Season 9 è stato completato da Lucas Di Grassi, terzo dopo aver conquistato la prima pole position della nuova era della serie iniziando al meglio il proprio rapporto con la Mahindra, riuscendo a resistere alla pressione di André Lotterer e Jake Hughes per il terzo posto nella gara in Messico, con quest’ultimo autore di un super weekend d’esordio in Formula E chiuso al quinto posto, regalando un ottimo risultato anche alla McLaren nel proprio primo round nella serie.

Partenza un po’ a rilento, invece, per i protagonisti della passata stagione, con Mitch Evans che ha chiuso ottavo e Stoffel Vandoorne che ha iniziato la difesa del proprio titolo con un decimo posto in quella che è stata la sua prima gara da pilota della DS Penske. Fuori dai punti Jean-Éric Vergne, 12° al traguardo alle spalle del dominatore dei test pre-stagionali e neo-pilota Maserati Maximilian Günther, mentre peggio è andata ad Edoardo Mortara, che ha concluso anzitempo la propria prima gara stagionale per via di un incidente.

Come detto in precedenza, l’ePrix di Diriyah arriva alla propria quinta edizione, diventando ormai un appuntamento fisso del calendario di Formula E. Il circuito saudita ha ospitato anche due gare storiche nella storia della serie, ovvero la prima gara dell’era Gen2 nella Season 5 che ha visto la vittoria di Antonio Félix Da Costa, e il primo ePrix disputato in notturna in occasione del double header che ha aperto la Season 7 dove Nyck De Vries e Sam Bird si sono spartiti le vittorie, con il pilota inglese che in questo weekend insieme a Sébastien Buemi e al già citato Vergne supererà le 100 gare disputate in carriera nella serie.

Nel mezzo c’è stato il doppio appuntamento che ha aperto la Season 6, che ha visto due gare molto spettacolari che hanno visto le vittorie di Sam Bird ed Alexander Sims, alla sua unica vittoria nella propria carriera in Formula E.

Il double header dell’ePrix di Diriyah della passata stagione è stato a forte tinte Mercedes, con la casa di Stoccarda capace di fare una doppietta nella prima giornata con la vittoria di Nyck De Vries davanti al futuro Campione del mondo Stoffel Vandoorne al termine di una gara dominata. Il giorno seguente è stata la volta di Edoardo Mortara, capace di vincere con la Venturi motorizzata Mercedes davanti a Robin Frijns e Lucas Di Grassi, al suo primo podio nella sua unica stagione trascorsa nella compagine monegasca divenuta ora Maserati MSG Racing, al termine di una gara conclusa con una lunga neutralizzazione con la Safety Car in pista dovuta ad un incidente di Alexander Sims.

Lo stesso Robin Frijns sarà il grande assente dal weekend di Diriyah per via dell’infortunio subito dopo l’incidente avuto al via dell’ePrix di Città del Messico in cui ha rimediato delle fratture alla mano sinistra e al polso sinistro che hanno necessitato di un intervento chirurgico. Frijns è subito tornato a casa ma sarà costretto a saltare i prossimi ePrix, con la ABT Motorsport che ha scelto Kelvin Van der Linde a sostituirlo; l’ex pilota DTM ha così l’occasione di debuttare in Formula E diventando anche il primo pilota sudafricano a gareggiare ufficialmente nella serie.

Il Riyadh Street Circuit presenta lo stesso layout dal 2018, con i confermati 2,49 km del circuito che potranno già essere teatro dei primi confronti tra la vettura Gen2 e le attuali nuove monoposto Gen3 al debutto in questa stagione. Il circuito di Diriyah è solitamente molto ostico per i piloti, con una lunga serie di curve presenti dopo il traguardo da percorrere in successione e che non presentano molto spazio per errori, caratteristica tipica dei circuiti cittadini.

Questa successione di curve a media velocità termina con la curva 14, da percorrere verso destra e che in passato è stata teatro di qualche contatto dovuto a qualche tentativo di sorpasso non andato a buon fine. Da lì si arriva alla parte più veloce della pista che comprende il rettilineo più lungo della pista nonché la parte di pista dove c’è la griglia di partenza e dove di conseguenza scatteranno le gare. Terminato il rettilineo si arriva poi alla chicane delle curve 18-19, quest’ultima che vede la presenza dell’Attack Mode proprio come visto la passata stagione, per arrivare poi alla 21° e ultima curva, una curva di 90° verso destra che immette poi sul traguardo.

Il sito web ufficiale della Formula E descrive così il Riyadh Street Circuit: “Il vecchio incontra il nuovo nel ritorno delle corse su pista completamente elettriche negli antichi dintorni di Diriyah. Con 21 curve e tornanti, il circuito di Diriyah lungo 2,495 km costeggia le storiche mura cittadine del sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. I piloti affrontano un giro impegnativo affrontando un primo settore tecnico che conduce alla serpeggiante Bobsleigh Run della curva 6, una serie di rapidi cambi di direzione in rapida sequenza. La pista è un vero banco di prova per la gestione dell’energia e per la strategia, con un lungo rettilineo a chiudere il giro. Per un ulteriore sfida, la gara si svolge al buio con un’illuminazione di LED lungo il circuito”.

Per quanto riguarda le dirette TV, sarà possibile seguire gli ePrix di Diriyah 2023 sia su Sky che su Mediaset: la prima trasmetterà le qualifiche e le due gare su Sky Sport Arena, mentre la seconda trasmetterà solamente le due gare live su Canale 20, garantendo però la trasmissione delle altre sessioni sul proprio sito internet sportmediaset.it. Le sessioni di prove libere, come sempre, saranno visibili anche sul canale YouTube ufficiale della Formula E.

2023 Diriyah ePrix – Riyadh Street Circuit
Round 2-3/16
26-28 gennaio 2023

Formula E

INFO CIRCUITO

Lunghezza del circuito: 2,495 km
Distanza di gara: 39 giri
Numero di curve: 21
Senso di marcia: orario

RECORD

Giro gara: 1:08.723 – Sam Bird – Jaguar Racing – 2022
Giro prova: 1:06.835 – Nyck De Vries – Mercedes EQ Formula E Team – 2022
Vittorie pilota: 2 – Sam Bird, Nyck De Vries
Vittorie team: 2 – Andretti Autosport, Mercedes EQ Formula E Team,
Pole pilota: 2 – Alexander Sims, Nyck De Vries
Pole team: 3 – Andretti Autosport, Mercedes EQ Formula E Team
Podi pilota: 3 – Stoffel Vandoorne
Podi team: 5 – Mercedes EQ Formula E Team

PROGRAMMA

Giovedì 26 gennaio

Venerdì 27 gennaio

Sabato 28 gennaio

Immagini: Formula E – Courtesy of Formula E