Formula E | Campionato sospeso per due mesi

Formula E | Campionato sospeso per due mesi

Dopo avere momentaneamente cancellato ben tre round, la Formula E ha preso la drastica decisione di sospendere il campionato 2019-2020 per due mesi, a seguito della pandemia di Coronavirus.

Lo stop della serie elettrica si protrarrà dunque fino alla metà di maggio e questa sospensione in blocco delle attività va a coinvolgere gli appuntamenti di Parigi (18 aprile) e Seoul (3 maggio).

Il comunicato ufficiale rilasciato dalla serie parla di un “semaforo”, i cui colori indicano le zone temporali in cui sarà possibile gareggiare: luce rossa per marzo e aprile, luce gialla per maggio, luce verde a partire da giugno.

Il primo degli ePrix in “luce verde” è dunque quello di Berlino del 21 giugno, pertanto c’è all’incirca un mese di spazio per recuperare uno (o più) dei cinque round al momento in sospeso.

“Questo è il momento di prendere decisioni responsabili ed è il motivo per cui abbiamo scelto di sospendere temporaneamente questa stagione, introducendo misure per ‘congelare’ le gare in programma nei prossimi due mesi”, ha detto il fondatore e presidente della Formula E, Alejandro Agag. “Il motorsport svolge un ruolo fondamentale nelle nostre vite ed è importante, ma ad essere più importante è la salute e la sicurezza del nostro staff, dei fans e dei loro familiari, così come di coloro che risiedono nelle città in cui corriamo. La Formula E tornerà nel pieno delle forze quando la crisi sanitaria e la diffusione del Covid-19 si saranno fermate”.

Immagine copertina: Formula E

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

925FollowersFollow
1,678FollowersFollow
Formula E | Campionato sospeso per due mesi 2
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE