Formula E | Berlino: Rowland comanda in una pazza qualifica

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

I big temporeggiano e vengono fermati dalla bandiera a scacchi, molti i risultati a sorpresa


L’ultimo double header di Berlino, che tra oggi e domani chiuderà una stagione di Formula E dagli esiti già scritti, è iniziato con una delle qualifiche più folli nella storia del campionato elettrico. Una classifica che pare quasi uscita da un sorteggio ma che in realtà ha ribadito la grande imprevedibilità di questa serie, che presenta allo stesso tempo un format molto adatto alle sorprese.

Potrebbe non apparire insolita la prima fila, che vedrà affiancati Oliver Rowland e Robin Frijns. La prima pole stagionale del team Nissan non è arrivata col suo miglior rappresentante, Sébastien Buemi, ma con il britannico che aveva comunque già mostrato ottime qualità sul giro secco anche nella scorsa stagione. 1:15.955 il tempo della Superpole, su un circuito dal layout più guidato e tecnico che ha dato un maggiore aiuto ai piloti degli ultimi due gruppi di qualifica.

E arriviamo, appunto, alle sorprese. Dopo avere affrontato il gruppo 4 con successo, Neel Jani e René Rast hanno avuto accesso alla Superpole per la prima volta e si sono accaparrati la seconda fila. Totalmente inaspettata la prestazione dello svizzero del team Porsche, che a due gare dalla fine è ancora a secco di punti in campionato ma oggi avrà un’occasione per sbloccare la sua classifica. La new entry del team Audi ha invece centrato il miglior tempo assoluto della qualifica a gruppi chiudendo poi quarto sul giro secco finale; il ritorno in Formula E non è stato facile per il campione del DTM, che col passare dei giorni ha però trovato un maggior feeling con la Spark SRT05.

Per la terza volta in cinque gare, in top 6 è rientrato anche Alexander Lynn. La Mahindra #94 ha messo a segno il quinto tempo in Superpole dopo avere conquistato la prima posizione nel gruppo 3, peraltro staccando il compagno di squadra Jérôme d’Ambrosio (17°) di quattro decimi a parità di condizioni. A chiudere la classifica della Superpole, ecco la Jaguar di Tom Blomqvist al rientro in Formula E dopo due anni: anche il britannico ha sfruttato la posizione favorevole nel gruppo 4, ma in pochi (alla luce delle recenti prestazioni del Giaguaro) si sarebbero aspettati una prestazione del genere specialmente da un pilota reduce da una lunga inattività nel campionato elettrico.

Fuori dalla Superpole André Lotterer, estromesso dal suo stesso compagno di squadra Jani per sette millesimi e dunque settimo in griglia. Alle sue spalle Felipe Massa, il cui tempo nella fase a gruppi aveva lasciato l’illusione di un accesso alla top 6 così come per quanto riguarda Edoardo Mortara e la seconda Venturi-Mercedes, alla fine decimo. Tra le due vetture monegasche si è piazzato un ottimo Sérgio Sette Câmara, a sua volta in crescita con la Dragon-Penske.

I piloti rientranti nel gruppo 1 sono stati decisamente penalizzati dal nuovo layout della pista di Berlino, che essendo più guidato ha ampliato la differenza di prestazioni all’aumentare della gommatura dell’asfalto. Maximilian Günther e Mitch Evans hanno concluso rispettivamente 13° e 14°, con il tedesco della Andretti-BMW che dovrà scontare tre posizioni in griglia per l’incidente di gara #4 che gli è pure costato un lieve infortunio al polso sinistro.

Gli altri quattro piloti hanno invece messo in scena uno spettacolo piuttosto sconcertante. Attendendo l’ultimo secondo utile per effettuare il proprio giro a 250kW António Félix da Costa, Jean-Éric Vergne, Lucas di Grassi e Sébastien Buemi si sono ritrovati in bagarre già dal giro di lancio rimanendo “bloccati” dalla bandiera a scacchi calata prima che potessero transitare sul traguardo. Nessun tempo cronometrato per i quattro, che andranno ad occupare le ultime due file dello schieramento di gara #5.

Decisamente negativa anche la qualifica del team Mercedes ufficiale, con Stoffel Vandoorne 18° e Nyck de Vries 19° al termine di un giro lanciato tutt’altro che impeccabile.

Con una griglia di partenza quasi totalmente invertita rispetto ai valori in campo mostrati da questo campionato 2019-2020, la quinta e penultima gara dell’ePrix di Berlino scatterà alle ore 19:00.

Classifica:

Immagine copertina: Formula E

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

Formula E | Berlino: Rowland comanda in una pazza qualifica 3
Federico Benedusi
From Ostiglia, provincia di Mantova. Aspirante giornalista e appassionato di sport sin da bambino. Tante, forse troppe le categorie di motorsport che seguo, ma il mio sempre crescente desiderio di conoscere mi impone questo...

ALTRI DALL'AUTORE