FIA Motorsport Games 2022, Rally: Zivian guida nella Historic e Daprà è secondo in Rally4, al termine della prima tappa

di Federico Benedusi @federicob95
29 Ottobre 2022 - 09:45

Doppia occasione di medaglia italiana dopo le prove speciali del venerdì, ma tutto si deciderà nella sfida finale in circuito; Arzeno (Francia) è leader della Rally2


La prima edizione della categoria Rally dei FIA Motorsport Games è partita con una tappa del venerdì da 65,5 chilometri nella zona di Le Castellet, dove si sta invece svolgendo l’azione in pista. La competizione è divisa in tre sottocategorie che assegneranno medaglie: Rally2, Rally4 e Rally Historic, in conformità con i regolamenti FIA.

Le 13 prove speciali del percorso non incoroneranno tuttavia i vincitori. Sarà una sfida in modalità rallycross, questa sera sul tracciato Paul Ricard, a determinare il metallo delle medaglie dei partecipanti: a qualificarsi per le suddette sfide saranno infetti i primi tre di ogni classe al termine dei 152 chilometri del rally vero e proprio.

La prima giornata è stata decisamente favorevole per i colori italiani. Andrea “Zippo” Zivian ha dettato legge tra le Historic al volante di una Audi Quattro, celebre regina del regolamento Gruppo B degli anni ’80, mentre Roberto Daprà è ad un solo secondo dalla leadership della categoria Rally4, su una Peugeot 208, alle spalle di Óscar Palomo (Spagna). Ben più ampio il margine di Zivian, pari ad un minuto su Vojtěch Štajf (Repubblica Ceca) alla guida di una Opel Kadett GTE 16V.

I terzi classificati delle due suddette categorie, quindi al momento ultimi qualificati per le sfide di questa sera, sono Ali Turkkan (Turchia) per la Rally4 e Antonio Sainz (Spagna, fratello maggiore del due volte iridato Carlos) nella Historic. Se l’iberico può vantare quasi due minuti su Siegfried Mayr (Germania), il turco dovrà difendere 18 secondi su Ricardo Sousa (Portogallo) per assicurarsi una medaglia.

In testa alla graduatoria generale, dominata naturalmente dalle più prestazionali Rally2, c’è Mathieu Arzeno (Francia), specialista dei terreni asfaltati e dunque in totale controllo della situazione al volante di una Škoda Fabia Evo. Il pilota di casa ha preso il comando già nella PS1 imponendo distacchi abissali e ha terminato la prima giornata con 41″4 su “Pepe” López (Spagna), su una Hyundai i20 N.

Più serrata è la lotta per gli ultimi due posti per le finali, con López in vantaggio di 7″6 su Georg Linnamäe (Estonia), 27″5 su Orhan Avcioğlu (Turchia), 30″9 su Martin László (Ungheria) e 35″0 su Paulo Soria (Argentina). Le sei prove speciali di oggi saranno decisive per assegnare i pass medagliati.

Immagine copertina: fiamotorsportgames.com