F4 Italia | Mugello 2021: Assolo di Dürksen in Gara 3, Bearman fa suo il titolo!

Il pilota paraguayano completa la doppietta dominando l’ultima gara del weekend. All’inglese basta il decimo posto per laurearsi campione della F4 Italiana.

Non è stato facile, ma al termine del weekend della F4 Italiana al Mugello Oliver Bearman è riuscito a laurearsi campione, chiudendo matematicamente i giochi e diventando il primo pilota inglese a vincere il titolo nel campionato nostrano.

Bearman ha ottenuto il titolo chiudendo Gara 3 al decimo posto al termine di una gara complicata che lo ha visto inerme di fronte ai propri avversari, che durante la gara lo hanno passato senza troppi problemi.

In un weekend per lui molto difficile, dove per la prima volta ha chiuso un round fuori dal podio, è venuto in soccorso una Gara 3 altrettanto deludente da parte di Tim Tramnitz, nono al traguardo e con 79 punti di ritardo in campionato al termine del round, distacco più che sufficiente per consegnare il titolo 2021 a Bearman che succede così a Gabriele Minì nell’albo d’oro della serie.

La Gara 3 della F4 Italiana al Mugello sorride a Joshua Dürksen, capace di vincere e bissare la vittoria di Gara 1 mettendo a segno una doppietta e chiudendo sul podio tutte e tre le gare del weekend.

Una volta passato in testa a 24 minuti dal termine, Dürksen ha imposto il suo ritmo lasciando le briciole agli avversari, tagliando il traguardo con 7,5 secondi di vantaggio su Leonardo Fornaroli, ottimo secondo in Gara 2 dopo una solida prestazione.

Il pilota italiano della Iron Lynx deve però ringraziare l’incidente innescato da Sebastian Montoya a 13 minuti dal termine, quando in curva 1 ha tamponato Joshua Dufek cercando di sorpassarlo per la seconda posizione, con entrambi costretti al ritiro.

Il loro incidente ha dato il via anche ad un’altra emozionante bagarre per il terzo posto dove Nikita Bedrin, nuovamente il migliore tra i Rookie al traguardo, capace di avere la meglio sul suo connazionale russo Kirill Smal al penultimo giro ottenendo così il gradino più basso del podio davanti al pilota della Prema, relegato così in quarta posizione.

Alle spalle dei due piloti russi hanno chiuso le due Jenzer di Santiago Ramos e Francesco Braschi, quinto e sesto dopo aver battagliato intensamente tra loro negli ultimi giri di gara. Da sottolineare la prestazione del pilota italiano, indomabile per tutta la gara e capace di guadagnare otto posizioni rispetto a dove partiva a suon di sorpassi che lo hanno portato ad un passo dalla Top5.

La Jenzer ha portato ben tre vetture a punti con il settimo posto di Piotr Wisnicki, al suo miglior risultato stagionale davanti ad Erick Zuniga, ottavo dopo aver passato nelle battute finali i due pretendenti al titolo Tramnitz e Bearman.

Gara difficile per Andrea Kimi Antonelli, 13° al traguardo dopo un’escursione avuta al termine del primo giro che gli sono costate diverse posizioni. Più attardati gli altri piloti italiani, con Francesco Simonazzi 15° davanti a Leonardo Bizzotto, mentre Pietro Armanni ha chiuso al 19° posto e Lorenzo Patrese si è fermato ad un giro dal termine.

F4
F4

Immagini: acisport.it

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM