F3 | GP Italia: Lundgaard in pole prima della bandiera rossa

F3
GP Italia: Lundgaard in pole prima della bandiera rossa

Il comportamento inadeguato dei piloti costringe la Direzione Gara ad interrompere la sessione di 06 Settembre 2019, 19:03

Quella tra Monza e la F3 non è esattamente una storia d'amore. Quattro anni fa la terza manche del campionato europeo venne interrotta con bandiera rossa a causa del comportamento fuori dalle righe della maggior parte dei piloti, che provocarono numerosi incidenti durante il weekend; oggi la scena si è ripetuta quando la Direzione Gara ha deciso di fermare le qualifiche con tre minuti d'anticipo dopo che almeno 15 macchine si sono accodate a velocità ridottissima nei pressi della Parabolica. Queste scene di traffico intenso si sono viste già settimana scorsa in Belgio, ma oggi si è davvero passato il segno e la bandiera rossa dovrà servire da lezione (ma anche da ultimatum) ai piloti.

La pole è andata paradossalmente ad uno dei piloti più ostacolati da quanto accaduto alla Parabolica. Dopo avere segnato un 1:38.834, Christian Lundgaard stava migliorando di almeno tre decimi il suo riferimento ma si è ritrovato di fronte una scena fuori dal mondo, esprimendo tutto il suo disappunto via radio. Il danese si è comunque lasciato alle spalle le tre Prema con Marcus Armstrong, Robert Shwartzman e Jehan Daruvala nell'ordine.

Tra le sorprese della sessione si annoverano i due piloti che domani occuperanno la terza fila. Lirim Zendeli ha piazzato la sua Sauber-Charouz in quinta posizione precedendo Teppei Natori: prestazione che fa parecchio onore al campione tedesco di F4, che non si è curato delle scie centrando il suo miglior tempo in solitario. Max Fewtrell e Richard Verschoor hanno formato la quarta fila, davanti a Niko Kari con la prima Trident e a Giorgio Carrara.

Solo 12° Jake Hughes, leader nei primissimi minuti del turno, alle spalle di Yuki Tsunoda che non è riuscito a ripetere l'eccezionale prestazione di Spa-Francorchamps. 13esima la seconda delle vetture in livrea Red Bull, quella del team MP Motorsport di Liam Lawson, poi Pedro Piquet e Jüri Vips. L'estone, rimasto nelle retrovie nei primi minuti, non è riuscito a migliorarsi per la situazione venuta a crearsi e domani dovrà lanciarsi in una grande rimonta se vorrà mantenere qualche speranza di vincere il titolo. Un'altra qualifica da dimenticare anche per David Beckmann, 17°, mentre Leonardo Pulcini si è fermato addirittura al 22° posto.

Due le penalità in griglia attribuite dopo la seconda manche belga. Logan Sargeant e Devlin DeFrancesco dovranno scontare cinque posizioni nella gara di domani per le rispettive collisioni con Lawson e Hughes, pertanto partiranno 21° e 28° a fronte dei risultati conseguiti oggi. 29esima posizione per Alessio Deledda, capace di lasciarsi alle spalle Andreas Estner.

L'appuntamento con gara-1 da Monza è per domani alle 10:30.

Classifica:

Immagine copertina: fiaformula3.com



Condividi