F3 | GP Austria, prima pole dell’anno per Sebastian Fernandez

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

La prima pole position dell’anno per la Formula 3 a Spielberg per il GP d’Austria è di Sebastian Fernandez. Il pilota spagnolo della ART Grand Prix ha fatto segnare, nel finale della sessione di qualifica da 30 minuti, il miglior tempo in 1:19.429, levando quasi tre decimi dalla pole 2019 di Marcus Armstrong.

Come al solito la qualifica ha visto i giri migliori realizzarsi a fine sessione tra giri rovinati a causa del traffico ed occasioni (poche) in cui poter spingere a pista libera.

Fernandez ha bruciato Lirim Zendeli (Trident) per soli 16 millesimi in una qualifica in cui i primi 10 sono racchiusi in 4 decimi. La seconda fila è tutta Prema, con Oscar Piastri terzo a 135 millesimi davanti a Logan Sargeant (+0.166).

Terza fila per Jake Hughes (HWA) a poco meno di due decimi davanti all’ultima Prema di Frederik Vesti. Quarta fila per la Trident di David Beckmann davanti alla Campos di Alex Peroni, al rientro nella categoria dopo il tremendo incidente di Monza della passata stagione.

Il vincitore del GP di Macao 2019, Richard Verschoor (MP Motorsport), è nono davanti a Roman Stanek (Charouz) a chiudere la top ten.

Per quanto riguarda le altre posizioni, Jack Doohan (figlio del 5 volte campione della 500 Mick) è 15° con la monoposto del team HWA. David Schumacher (Charouz) è 22°, Sophia Floersch (Campos) è 28a. Igor Fraga (Charouz) ha completato solo pochi passaggi per problemi tecnici ed è ultimo.

Infine gli italiani: Matteo Nannini e Federico Malvestiti sono 18° e 19° con le monoposto del team Jenzer. Alessio Deledda è 27° con la Campos.

Segue la classifica completa.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F3 | GP Austria, prima pole dell'anno per Sebastian Fernandez 3
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE