F2 | Luca Ghiotto al posto dello squalificato Nissany a Monza

Federico Benedusi - 7 Settembre 2022 - 18:06

Il turno di sospensione rimediato dall’israeliano dopo Zandvoort riporta nella categoria cadetta il vicentino, passato alle ruote coperte da un paio di stagioni


La penalità rimediata nella feature race del Gran Premio d’Olanda di F2 a Zandvoort è costata parecchio caro a Roy Nissany, terzo pilota in questa stagione della serie cadetta a raggiungere sanzioni pari ai 12 punti della licenza FIA. L’israeliano è stato dunque sospeso in vista del Gran Premio d’Italia di questo weekend e il team DAMS, per sostituirlo, ha riesumato dal recente passato della categoria un nome parecchio conosciuto.

Sulla pista di Monza infatti la F2 ritroverà Luca Ghiotto, suo protagonista dal 2016 al 2020 con 113 gare corse, sette vittorie e un totale di 28 podi, secondo all-times in quest’ultima statistica a -1 dal record stabilito da Davide Valsecchi. Dopo l’esperienza con Virtuosi Racing nel 2019 il vicentino ha intrapreso la via delle ruote coperte, affiancando questo impegno ad un “rispescaggio” dell’ultimo minuto da parte di Hitech nel 2020, e attualmente è impegnato nel GT World Challenge con il team Car Collection alla guida di un’Audi.

“Sono incredibilmente felice di tornare a correre in F2 nella mia gara di casa a Monza”, ha detto Ghiotto. “Questa chiamata è stata così tardiva che tuttora non ho realizzato il fatto che in questo weekend correrò! Non vedo l’ora di unirmi ad una squadra contro cui ho lottato molte battaglie in passato, sarà divertente avere finalmente la chance di lavorare insieme”.

Il team owner Charles Pic ha aggiunto: “Le ultime giornate sono state molto intense ma siamo felici di dare il benvenuto a Luca per questo weekend. Avere un pilota italiano tra le proprie fila a Monza è grandioso e siamo sicuri che si prenderà cura della nostra macchina, traendone il massimo del potenziale. Siamo spiaciuti che Roy non possa essere con noi, ma le regole sono uguali per tutti e attendiamo il suo ritorno in gara ad Abu Dhabi”.

Nissany, che come detto è il terzo pilota a raggiungere il limite dei 12 punti di penalità dopo Amaury Cordeel e Oliver Caldwell, occupa il 17° posto nella classifica generale con 18 punti e un quarto posto nella sprint race di Imola come miglior risultato.

Immagine copertina: Luca Ghiotto Twitter