F2 | GP Spagna: mistero Gelael, in ospedale per accertamenti. Ignota ad ora la causa

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Il pilota indonesiano è stato inquadrato immobile all’interno della sua Dams, apparentemente non incidentata. Si parla di frattura ad una vertebra

C’è un velo di mistero riguardo quanto successo durante la Feature Race di F2, vinta da Matsushita, nelle ultimissime battute. Sean Gelael, infatti, è stato inquadrato fermo con la sua Dams nella zona dell’ultima chicane del Circuit de Catalunya ed apparentemente immobile all’interno della sua monoposto.

Immagine

Le fasi concitatissime dell’ultimo giro hanno poi distolto l’attenzione dal pilota indonesiano, che è stato successivamente estratto dai commissari dalla monoposto e portato all’ospedale di Granollers per accertamenti. In serata si è sparsa la notizia che Gelael avrebbe riportato una frattura ad una vertebra e sarebbe costretto a saltare la Sprint Race di domattina ed affrontare un periodo di riabilitazione, ma in questo senso non ci sono conferme ufficiali.

Quella che resta assolutamente ignota è la causa di questo malore. Non sono stati mostrati replay ma solo le immagini in diretta del pilota immobile in abitacolo. È quindi difficile ipotizzare cosa sia davvero successo: la monoposto non sembra incidentata e la zona in cui Gelael si è fermato non presenta particolari pericoli.

L’unica possibilità, ammesso che il problema alla schiena sia confermato, potrebbe essere quella di un salto su uno dei dissuasori gialli sparsi per il tracciato con un ritorno a terra particolarmente duro.

Attendiamo comunque notizie ufficiali.

Immagine di copertina: Twitter / Fia F2

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F2 | GP Spagna: mistero Gelael, in ospedale per accertamenti. Ignota ad ora la causa 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE